Cioccolato a colazione per perdere peso, essere di buon umore e perdere giro vita

La colazione è il pasto più importante della giornata, soprattutto se abbondante e con una bella fetta di torta al cioccolato. Una colazione ad alto contenuto calorico protegge dal diabete, dall’ipertensione e da problemi cardiovascolari secondo i ricercatori dell’Università di Tel Aviv (TAU).

Il metabolismo è influenzato dal ritmo circadiano del corpo – il processo biologico che il corpo segue su un ciclo di 24 ore. Quindi oltre a ciò che si mangia è molto importante anche l’ora in cui si mangia, dice la Prof. Daniela Jakubowicz della Sackler Faculty of Medicine di TAU e Diabetes Unit al Wolfson Medical Center. In un recente studio, ha scoperto che coloro che fanno il più grande pasto quotidiano a colazione hanno di gran lunga maggiori probabilità di perdere peso e giro vita rispetto a quelli che mangiano tanto la sera a cena.

La colazione abbondante ha mostrato livelli significativamente più bassi di insulina, glucosio, trigliceridi per tutta la giornata, ciò si traduce in un minor rischio di malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione e colesterolo alto. Se si spera di perdere peso o semplicemente rimanere in buona salute, ciò che si mangia è un fattore cruciale.

Il buon cibo mette di buon umore, è risaputo, e ora anche scientificamente provato. Ha effetti benefici anche sul giro vita, fornisce energia e scongiura dalle malattie. Ora un ricercatore dell’Università di Tel Aviv ha scoperto che non è solo ciò che si mangia – ma quando. I partecipanti al test hanno fatto abbondanti colazioni in cui erano compresi dolci, come un pezzo di torta al cioccolato o un biscotto, ed hanno mostrato bassi livelli di insulina, glucosio, trigliceridi.

Questi risultati, pubblicati di recente sulla rivista Obesity, indicano che uno stile di vita sano e una riduzione dell’obesità si possono ottenere mangiando in opportuni momenti della giornata. Lo studio è stato condotto su 93 donne obese divise in due gruppi che ha consumato complessivamente 1400 calorie al giorno per 12 settimane. Entrambi i gruppi hanno seguito lo stesso regime alimentare, ma con diverse assunzioni caloriche durante il giorno.

Il primo gruppo ha consumato 700 calorie a colazione, 500 a pranzo e 200 a cena. Il secondo gruppo 200 calorie a colazione, 500 calorie a pranzo e 700 calorie a cena. Colazione e cena da 700 calorie includevano gli stessi cibi. Al termine dello studio, i partecipanti al gruppo “grande colazione” hanno perso una media di 8 chilogrammi ciascuno e 7,62 cm nel giro vita, rispetto ad 3 chili e 3,56 cm per i partecipanti nel gruppo “grande cena“. Secondo la Prof. Jakubowicz, quelli del gruppo “grande colazione” avevano livelli significativamente più bassi dell’ormone della fame, la grelina situato sul fondo dello stomaco, questo ha indicato come i partecipanti a questo gruppo avessero meno fame e meno voglia di spuntini nel corso della giornata rispetto alle loro controparti nel gruppo “grande cena”.

Il gruppo “grande colazione” hanno mostrato una riduzione di insulina, glucosio e livelli di trigliceridi rispetto a quelli del gruppo “grande cena“. Ancora più importante, non avevano alti picchi di glucosio nel sangue che si verificano di solito dopo un pasto. Alti livelli di zucchero nel sangue sono considerati ancora più dannosi dei livelli di glucosio, in quanto portano alla pressione alta e ad un maggiore sforzo sul cuore.

Eliminare gli spuntini notturni. Questi risultati suggeriscono che le persone dovrebbero adottare un programma di pasti ben congegnato, oltre a una corretta alimentazione e all’esercizio fisico, per ottimizzare la perdita di peso e migliorare lo stato di salute in generale. Mangiare i cibi giusti nei momenti sbagliati può non solo rallentare la perdita di peso, ma può anche essere dannoso.

Nel loro studio, i ricercatori hanno verificato che il gruppo “grande cena” nonostante la perdita di peso mostravano comunque alti livelli di trigliceridi. Un chiaro segnale che oltre a non mangiare tanto la sera a cena è bene mettere fine agli spuntini notturni. Soprattutto davanti al pc o alla TV. Questo comportamento è un enorme contributo all’obesità. Non solo aumenta i chili in eccesso, ma anche il rischio di malattie cardiovascolari.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie