L’atlante delle cellule umane, scienziati al lavoro per individuare come si sviluppano le malattie

Mappare e descrivere ogni cellula dell’organismo in base al tessuto o all’organo a cui appartiene per realizzare un atlante, come si fa per le specie animali o vegetali. Si tratta di un progetto che vede coinvolti scienziati di ogni parte del mondo per circa dieci anni. Lo studio è coordinato da un team di ricercatori del Sanger Institute’ britannico, il ‘Massachussetts Institute of Technology’ (L’atlante delle cellule umane, scienziati al lavoro per individuare come si sviluppano le malattie e Harvard.

L’atlante delle cellule umane è l’inizio di una nuova era nella comprensione di questo mondo, ha spiegato Sarah Teichmann, capo della genetica cellulare al Britain’s Sanger Institute. “Scopriremo nuove tipologie di cellule, troveremo in che modo cambiano nel tempo durante lo sviluppo o in corso di una patologia e capiremo meglio la biologia”.

Gli scienziati stanno cercando d’individuare come si sviluppano malattie quali asma, Alzheimer e cancro. Fino a poco tempo fa, infatti, le conoscenze sulle cellule si limitavano a ciò che si scopriva osservandole al microscopio o analizzando geneticamente delle parti per trovare delle proprietà comuni. Ma l’avanzamento tecnologico nel campo noto come genomica delle singole cellule ha fatto sì che i ricercatori possano oggi, separatamente, individuare le cellule di diversi tipi di tessuti e organi, analizzare le loro proprietà e misurare e descrivere quali molecole produce ognuna.

Il piano prevede la collaborazione e finanziamenti di team di ricerca di tutto il mondo. “Abbiamo oggi per la prima volta gli strumenti per capire di cosa è fatto il nostro organismo e come funziona, nonché di scoprire come questi vari elementi funzionano per dare origine alle malattie”, ha osservato Aviv Regev, direttore del Broad Institute del MIT. L’Atlante sarà un’immensa banca dati di ogni dettaglio cellulare, che dovrebbe aiutare a capire lo sviluppo di patologie come il morbo di Alzheimer, i tumori e così via.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie