L’uragano Matthew continua a gonfiarsi e a guadagnare potenza, è allarme

E’ allarme sulla costa atlantica. L’uragano Matthew dovrebbe interessare Giamaica, Haiti e Cuba tra domenica e lunedì e successivamente passare su Bahamas e Florida. Il National Hurricane Center degli Stati Uniti con sede a Miami ha calcolato che la velocità dei venti ha già toccato il suo picco a 260 chilometri orari prima di assestarsi attorno ai 230 chilometri orari, un livello di potenza anche questo che minaccia devastazione.

L’uragano Matthew continua a gonfiarsi e a guadagnare potenza: nelle ultime ore ha raggiunto la categoria 5, e ora, mentre si muove lentamente attraverso i Caraibi, minaccia la Giamaica, Cuba, Haiti e le Bahamas. Anche la Florida potrebbe essere minacciata all’inizio della prossima settimana, ma gli abitanti lì almeno “hanno il lusso del tempo”, ha affermato alla Cnn Rick Knabb, direttore del Centro Nazionale Uragani americano. Secondo modelli meteorologici citati dalla Cnn, l’uragano dovrebbe essere vicino alle coste della Giamaica, di Haiti e di Cuba tra domenica e lunedì.

Matthew  ha già lasciato il segno del Sud America, dove si sono riversate forti precipitazioni causando inondazioni e si è registrata almeno una vittima dovuta al maltempo, un uomo di 67 anni che non è sopravvissuto alla potenza dell’acqua, in una zona della Colombia che tra l’altro aveva fino ad ora vissuto un lungo periodo di siccità.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie