Obesity Day: 10 ottobre giornata dedicata all’obesità

Obesity Day, è la giornata che l’Associazione di Dietetica e nutrizione italiana dedica alla sensibilizzazione e informazione, come ogni anno ricorre il 10 ottobre. È una patologia tipica delle società del benessere, in particolare di quelle occidentali, dovute alla cattiva alimentazione e alla vita sedentaria.

L’obesità è motivo di complicanze della salute che portano fino alla morte. È la principale causa di morte prevenibile in tutto il mondo con incremento della patologia in adulti e bambini. È per questo che ogni anno l’ADI dedica una giornata ad essa con diversi tipi di iniziative in tutta Italia.

Camminare è salute” è il motto della 16ma edizione dell’Obesity Day. Una “giornata del paziente” in cui il personale sanitario dei 150 centri di dietologia ADI presenti su tutto il territorio italiano, sarà a disposizione per colloqui gratuiti di informazione e consulenza, valutazioni del grado di sovrappeso e l’individuazione dei percorsi terapeutici nutrizionali più appropriati alla persona. Collegandosi al sito www.obesityday.org sarà possibile trovare il centro più vicino alla propria città, consultare le prestazioni, le attività offerte e verificare le modalità di accesso alla struttura.

L’amore per i cibi grassi è questione di DNA, a causa di un gene “difettoso” le persone sono portate a mangiare di più e più pietanze ad alto contenuto calorico. Al momento non esiste alcuna soluzione se non uno stile di vita sano che comprende attività fisica, bastano 2 ore e mezza alla settimana, e un’alimentazione anch’essa sana come tipico della dieta mediterranea.

L’obiettivo della campagna di quest’anno dell’ADI è quello di promuovere la filosofia della nuova Piramide Alimentare Mediterranea che concepisce l’alimentazione mediterranea come stile di vita quotidiano e non più come dieta. Dieta intesa come corretta alimentazione e non privazione. Alla base della nuova piramide, non vi sono più gli alimenti, ma i comportamenti come la convivialità, il movimento, il riposo, la biodiversità, la stagionalità dei prodotti, le attività gastronomiche.

Il modo più semplice ed economico per fare attività fisica è la camminata, per mantenersi in forma basta camminare a passo spedito per 3 volte a settimana e per almeno 45 minuti. Tutti possono camminare, dai bambini alle persone anziane, ognuno con la propria velocità e con i propri ritmi.

La dieta mediterranea è considerata dai medici un toccasana per scongiurare il pericolo diabete e riducendo la mortalità nei malati di cuore. Si è dimostrata efficacia anche in altri tipi di patologie e malattie gravi, ma la vita frenetica dei tempi moderni ci fa mangiare in modo sbagliato, di fretta e dimenticando le grandi tradizioni culinarie del nostro Paese.

Questo insieme alla vita sedentaria dovuta alla pigrizia, ma anche alla tecnologia, si sta davanti ad un personal computer per tutto il giorno per motivi di lavoro prima e per svago poi, aumenta la massa grassa corporea e solo un diverso stile di vita può modificare questa situazione molto pericolosa per la salute.

Il movimento, e la sana alimentazione, sono anche i fattori primari per vivere una vecchiaia senza problemi di demenza secondo i ricercatori dell’Università di Helsinki. Uno studio condotto su 3050 coppie di gemelli per ben 25 anni ha dimostrato che, a prescindere dal sesso e dal livello di istruzione, lo sport è un elisir per il cervello.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie