Samsung sospende la produzione del Galaxy Note 7 a causa di pericolosi malfunzionamenti

Samsung, l’azienda coreana ha sospeso la produzione dei suoi Galaxy Note 7 a causa di pericolosi malfunzionamenti che hanno interessato anche i nuovi modelli prodotti dalla società per sostituire quelli difettosi. Dopo un esordio decisamente positivo, alcuni utenti del Galaxy Note 7 hanno segnalato che le batterie dei loro smartphone tendevano a surriscaldarsi durante la carica, causando esplosioni.

E’ così iniziata la grande campagna di richiamo per tutti i modelli già messi in commercio, circa 2,5 milioni di dispositivi. Da poche settimane l’azienda stava procedendo con la sostituzione degli apparecchi con un nuovo modello di Galaxy Note 7 ma qualcosa è andato nuovamente storto: negli ultimi dieci giorni sono stati segnalati almeno 5 casi di telefonini bruciati.”Siamo nel processo di adeguamento dei volumi produttivi per migliorare il controllo della qualità e per consentire indagini approfondite a seguito delle recenti casi di esplosioni di Galaxy Note 7″, ha affermato in merito alla questione la società coreana.

Anche sul nuovo Note 7, presentato al posto di quello vecchio, ci sono stati problemi. Su tutti, l’episodio che la scorsa settimana ha visto negli Usa l’evacuazione di un aereo della Southwest Airlines quando uno smartphone sostituito ha cominciato a emettere fumo. Già poche settimane dopo il lancio del Galaxy Note 7, ad inizio settembre, Samsung era stata costretta a richiamare 2,5 milioni apparecchi nel mondo per il rischio di esplosione della batteria. Ma anche alcuni apparecchi con le batterie sostitutive avrebbero avuto problemi analoghi.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie