Bikeconomy al Forum romano del 18 e 19 novembre, protagonista il Trentino

Manifattura e innovazione delle due ruote, capire a che punto è lo sviluppo del settore cicloturistico, saranno questi i temi affrontati durante il Bikeconomy Forum, presso il Museo Maxxi, il 18 e 19 novembre a Roma.

L’economia della bici è tutta in salita e nella due giorni protagonista sarà Trentino Sviluppo, con i suoi incubatori dedicati alle clean-tech – Progetto Manifattura e alla meccatronica, e la Provincia autonoma di Trento con il team dedicato alla gestione dei percorsi ciclopedonali. Del resto l’innovazione per il Trentino non è una novità, poiché in questa regione sono presenti 144 startup ogni 10 mila società di capitali, il valore più alto in Italia. Si contano 40 centri di ricerca di livello internazionale, tra cui tre realtà di eccellenza nei propri settori – Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Edmund Mach ed Università degli Studi di Trento (finanziata dalla Provincia) – con forte focalizzazione sugli ambiti tecnologici del green e dello smart manufacturing.

E non è tutto, il nuovo potenziamento dei due poli di meccatronica e green economy ha creato nuovi spazi ed opportunità, anche per chi vuole investire nelle due ruote e nel contempo vivere in un ambito che privilegia i ciclisti, sia di strada, sia di montagna. Secondo quanto spiega Mauro Casotto, della Direzione Operativa di Trentino Sviluppo: “Nel Trentino ci sono oltre 450 km di piste ciclabili ed un numero almeno doppio di sentieri e piste da downhill, che generano un indotto di decine di milioni di euro legato al cicloturismo, destinato a crescere negli anni futuri. Parallelamente al settore cicloturismo si sta sviluppando un fertile mondo di startup legate alle due ruote, grazie agli strumenti di sostegno alla nuova impresa e alle startup innovative e ai due hub tematici dedicati a green e meccatronica.

Abbiamo un interessante pacchetto attrazione che crediamo rafforzerà sempre più questo nostro polo di innovazione focalizzato sulla bikeconomy.” Al Forum saranno presenti anche due startup degli incubatori di Trentino Sviluppo: Bikee Bike e KissMyBike. La prima ha creato un nuovo motore elettrico per biciclette facilmente installabile in pochissimo tempo sulla maggior parte dei telai standard. Il motore sfrutta la nuova tecnologia mid-drive, che colloca il propulsore nel movimento centrale della bici, tra i pedali. KissMyBike, invece, consiste in un sistema un sistema per segnalare il furto e localizzare il veicolo è invisibile e necessita di una sola ricarica all’anno.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie