DDL responsabilità medica, Ok della Commissione Senato

Rischio clinico, un altro importante passo avanti: la Commissione XII #Senato ha approvato il ddl sulla responsabilità del medico. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha annunciato via twitter l’approvazione del ddl Gelli. Il testo dovrà ora passare all’esame dell’aula di Palazzo Madama, prima di tornare a Montecitorio per l’approvazione definitiva.

La presidente della Commissione XII Emilia Grazia De Biasi (Pd) ha espresso grande soddisfazione: “Si è trattato di un lavoro importante, condiviso e approfondito che ha migliorato il testo già pregevole approvato dalla Camera dei Deputati”. Il provvedimento sulla responsabilità medica “risponde alle sacrosante esigenze di tutela e di sicurezza dei cittadini e, nello stesso tempo, di sicurezza e dignità dell’intero mondo delle professioni sanitarie. Il mio sentito ringraziamento  va al lavoro completo e straordinario del relatore, Senatore Amedeo Bianco”.

La senatrice De Biasi, inoltre, annuncia: “la Commissione Sanità del Senato ha terminato i suoi lavori, ora ci attende il lavoro dell’Aula, mi impegnerò perché il provvedimento possa essere approvato entro il mese di Novembre“.

Secondo il senatore Lucio Romano (Gruppo per le Autonomie), primo firmatario del ddl, la legge sulla responsabilità medica tutela i pazienti e mette i professionisti in condizione di operare con tranquillità e serenità. “Finalità del provvedimento – spiega – è dare una risposta alla deriva della medicina difensiva e ai suoi elevatissimi costi; favorire l’alleanza terapeutica; dare maggiore serenità al personale sanitario; assicurare una sempre migliore assistenza e tutela dei pazienti”.

Soddisfazione espressa anche da parte dei medici. Pierluigi Marini, vicepresidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani (Acoi), considera il sì della Commissione Sanità del Senato al ddl sulla responsabilità medica un “passo avanti importante verso l’approvazione definitiva di una legge attesa da anni. Il Parlamento ha saputo ascoltare il mondo delle professioni sanitarie ed ha compreso l’importanza di questo provvedimento”. Secondo Marini la legge “darebbe conforto al mondo medico e interverrebbe in maniera positiva sulla limitazione del contenzioso medico-legale, un buco nero che inghiotte ogni anno risorse ingenti e lede il diritto alla salute dei cittadini. Ci auguriamo – conclude – che il ddl venga approvato rapidamente e senza stravolgimenti in Aula in Senato e poi definitivamente alla Camera e diventi legge entro l’anno”.

 

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie