Gli smartphone sorpassano i pc per traffico internet

Gli smartphone superano pc e notebook nel traffico internet nel mese di ottobre. Non è una novità assoluta, stavamo solo aspettando il momento in cui questo sarebbe avvenuto ed ora è successo, quali saranno le ripercussioni, cosa cambia e cosa cambierà in futuro. Per ora sappiamo che Google ha già in mente di realizzare un motore di ricerca esclusivo per i dispositivi mobile.

I dispositivi mobili quali smartphone e tablet hanno superato nel traffico internet i pc e laptop nel passato mese di ottobre. A riportare lo storico sorpasso la società di analisi StatCounter, secondo la quale il 51,3 per cento del traffico internet di ottobre è avvenuto tramite dispositivi mobili contro il 48,7 per cento di pc e notebook. StatCounter per i dati forniti si è basata su più di 15 miliardi di pagine internet visitate ogni mese in oltre 2,5 milioni di siti web escludendo il traffico da console statisticamente irrilevante,solo lo 0,11 per cento.

Un sorpasso atteso e che non sorprende vista la diffusione e l’utilizzo, in ogni ambito, dei dispositivi mobili quali gli smartphone. Esso è tale da aver decretato un calo drastico delle vendite dei pc altro motivo dell’atteso sorpasso da parte degli addetti ai lavori. Cosa comporta questo sorpasso? Che i siti web devono adeguarsi alle linee di Google ed essere mobile friendly, se molti si sono adeguati c’è ancora chi fatica a farlo.

Interessanti i dati se presi per singola nazione, ad esempio Stati Uniti ed Europa sono i Paesi in cui il sorpasso della navigazione tramite smartphone e tablet non è ancora avvenuto a scapito dei pc. In India, invece, la navigazione avviene al 78 per cento da dispositivi mobili, al 21,18 per cento da pc e sono pochissimi i tablet, quasi inesistenti, con un traffico pari allo 0,76 per cento.

È evidente che nei Paesi più ricchi, dove è ancora alta la diffusione dei persona computer, la navigazione web superi ancora quella da mobile che comunque risulta in continua crescita e difficilmente questa tendenza cambierà. Ancora molto c’è da fare per ottimizzare le pagine internet per i dispositivi mobili da cui risulta ancora complicato fare acquisti, per esempio, e si preferisci utilizzare il pc.

In Italia vi è ancora la tendenza a non considerare Internet come fonte di reddito per le piccole aziende ancora molto legate al territorio e hanno molte difficoltà ad aggiornare i propri siti, sempre se ne hanno uno. Il futuro della navigazione Internet e del commercio sono gli smartphone, le aziende devono adeguarsi se vogliono sopravvivere.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie