Pokemon GO: investe e uccide una donna, condannato a 14 mesi di carcere

Pokemon GO distrae sia che si stia camminando a piede sia che si stia guidando. In Giappone arriva la prima condanna per un conducente che ha investito e ucciso una donna di 72 anni perché distratto dal gioco a realtà aumentata di Niantic. Non è il primo caso, dal lancio del 22 luglio altri due morti causare dal gioco per smartphone.

Anche se il calo nell’interesse del gioco per smartphone di Niantic è calato, Pokemon GO continua a macinare utili e ad essere utilizzato in modo inappropriato. Sono molti i casi documentati, dal lancio di agosto, di incidenti di vario genere che sono stati anche mortali, tre in tutto con quello attuale. Nessuna distinzione di età e di locazione geografica, Pokemon GO è giocato proprio da tutti. Le regole sono semplici e la distrazione tantissima, ovviamente non si dovrebbe giocare mentre si è alla guida perché oltre a non essere consentito è anche mortalmente pericoloso e che prima o poi l’errore fatale sarebbe arrivato era solo questione di tempo.

La condanna arrivata oggi si riferisce ad un incidente avvenuto il 23 agosto scorso quando l’agricoltore Keiji Goo, 39 anni, alla guida del suo autocarro ha investito e ucciso una donna di 72 anni e ferito gravemente un’altra mentre attraversavano la strada nella città di Tokushima. Nonostante la richiesta di una condanna a 20 mesi il giudice, che ha sottolineato la grave negligenza del guidatore, ha inflitto una condanna di soli 14 mesi. Nel solo Giappone sono stati ventidue gli incidenti che hanno provocato lesioni e 57 hanno causato danni alle cose. A livello nazionale, la polizia ha riportato 1.140 casi in cui sono stati segnalati guidatori che hanno violato le leggi sulla guida perché stavano giocando a Pokemon Go.

Sempre in Giappone gli altri due incidenti mortali, a metà ottobre un bambino di nove anni è stato investito con l’auto, e morto poco dopo, da un uomo di 36 anni. Ma di tanti altri che sarebbero potuti esserlo ne è piena la cronaca. Anche camminare a piedi distratti dal gioco può essere molto pericoloso, i giocatori si sono trovati ad attraversare campi minati, binari della metropolitana e a giocare all’interno del museo dell’olocausto.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie