Samsung a lavoro sul Galaxy Note 8, spunta il codice del modello

Samsung è a lavoro su diversi dispositivi, su questo non c’è dubbio, ma quali siano effettivamente è un mistero non completamente avvolta dalla nebbia. C’è qualche spiraglio grazie al solito Evan Blast, noto come evleaks, che fornisce indicazioni sempre puntuali e mai scontate. A quanto pare l’azienda sudcoreana sta lavorando su due modelli in più ne è spuntato un altro su cui occorre fare alcune considerazioni.

Che Samsung voglia quanto prima risollevarsi dalla questione Note 7 è fuor di dubbio, per questo sta lavorando a due nuovi device che, forse, saranno presentati al MWC di Barcellona a fine febbraio 2017. I codici di questi due modelli sono SM-G950 ed SM-G955, sappiamo che si tratta del Galaxy S8 e del Galaxy S8 Plus che avranno due display enormi e che li inseriscono a pieno titolo nel settore dei phablet con diagonali da 5,7 e 6,2 pollici.

Evleaks afferma che il colosso coreano sta lavorando anche ad un altro modello il cui codice è SM-N950. Da sempre la terza lettera, la N, ha contraddistinto i phablet della serie Note per cui è lecito pensare che si tratti del Galaxy Note 8. È chiaro che Samsung avrebbe presentato il Note 8 anche se qualcuno, probabilmente poco avvezzo alle vicende dell’azienda, ipotizzava che la linea dei phablet top di gamma sarebbe morta con il Note 7.

Il punto ora è se la presentazione del Note 8 possa avvenire molti mesi prima del classico appuntamento di Berlino a settembre del prossimo anno. Ci sono alcune considerazioni da fare che coinvolgono anche gli S8. Secondo alcune voci Samsung non riuscirà a presentare in tempo per il MWC i due Galaxy S8 che saranno presentati un paio di mesi dopo, nulla di strano, il Galaxy S4, ad esempio, fu presentato a New York per dare maggior enfasi al device.

A questo punto potrebbe essere lecito supporre che l’azienda possa pensare ad una presentazione in grande dedicata ai tre dispositivi: il Galaxy S8, il Galaxy S8 Plus e il Galaxy Note 8. Sarebbe di certo qualcosa fuori dagli schemi, qualcosa di cui il colosso ha decisamente bisogno, inoltre questo consentirebbe di avere a disposizione più tempo per testare i device e non incappare in problematiche che potrebbero stroncare il settore mobile di Samsung, quello da cui l’azienda ottiene i maggiori ricavi.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie