Zika, negli Usa al via i test del vaccino sull’uomo

Il National Institute of Health americano, che coordina il progetto insieme al Dipartimento della Difesa, ha annunciato che sono già pronti 75 volontari di età compresa tra 18 e 49 anni (l’età maggiormente attiva sessualmente) che riceveranno il prototipo di vaccino. Il campione sarà diviso in due gruppi, uno sperimenterà il vaccino contro Zika e un placebo, l’altro oltre al nuovo vaccino sarà vaccinato anche contro febbre gialla ed encefalite il tutto a 28 giorni di distanza.

Una volta terminata questa parte del test si attenderanno i risultati e poi si procederà alla seconda parte, che prevede altri 4 esperimenti con Zika sebbene ancora non definiti in dettaglio. L’importanza di questi test, dipende dalla evoluzione delle scoperte sul virus brasiliano. Se è vero che attacca e causa danno ai bambini nel grembo materno, il dubbio che sia dannoso anche per gli adulti sussiste. Potrebbe infatti essere legato all’insorgenza di patologie cerebrali precoci, come la demenza o il parkinson, in soggetti che lo contraggono per via sessuale da adulti.

Il legame con altre malattie, come la encefalite, poi, rende una priorità la ricerca di una soluzione rapida prima che altre “novità” portino allo scoperto altri problemi che più in là potrebbero essere non risolvibili. “Abbiamo bisogno urgente di un vaccino sicuro ed efficace, visto che il virus Zika continua a diffondersi e a causare serie conseguenze per la salute pubblica, soprattutto per donne in gravidanza e neonati”, ha dichiarato Anthony Fauci, direttore dell’Institute of Allergy and Infectious Diseases.

Condividi questo articolo: 


AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie