Ambra comprata in un mercatino contiene coda di un dinosauro

Una coda piumata di dinosauro vissuto circa 100 milioni di anni fa è stata trovata all’interno di un pezzo di ambra in un mercatino birmano. La scoperta fortuita è stata del paleontologo cinese Xing Lida che ha trovato la resina in Myanmar nel 2015 e oggi è esposta al Museo di Storia naturale di Shanghai.

All’occhio esperto del paleontologo cinese non è sfuggita la particolarità che custodiva la resina esposta, su un banchetto di un mercatino, per i turisti. Dopo averla acquistata, Xing Lida ha contattato il paleontologo Ryan McKellar, del Royal Saskatchewan Museum in Canada, per analizzare il misterioso contenuto della resina.

Dunque la scoperta della coda, con le piume ancora intatte, di circa sei centimetri di lunghezza di un dinosauro a due zampe chiamato teropode, in particolare un giovane celurosauro vissuto durante il Cretaceo quasi 100 milioni di anni fa.

Come Xing ha spiegato: “Questa è la prima volta che del materiale scheletrico di  un dinosauro è stato trovato nell’ambra. Precedenti reperti nell’ambra includevano delle piume isolate che possono essere appartenuti a dinosauri, ma senza una parte identificabile del corpo inclusa, la loro fonte è rimasta aperta alla discussione”.

Questa non era la prima volta che i paleontologi hanno esaminato delle piume intrappolate nell’ambra. La scoperta stupefacente si trova sotto le piume dove sono presenti ancora otto segmenti vertebrali (probabilmente composto in origine da più di 25 vertebre) e tessuti molli, rarità in una disciplina storicamente dipendente dalle ossa fossilizzate.

Lida, McKellar ed i loro colleghi cinesi e canadesi hanno pubblicato un’analisi della coda sulla rivista Current Biology: “Questo esemplare offre l’opportunità di documentare piume incontaminate in associazione diretta con un celurosauro putativamente giovane, conservando dettagli morfologici pregiati, tra cui la disposizione spaziale dei follicoli e delle piume sul corpo e le caratteristiche del piumaggio“.

Il campione di ambra, soprannominato “Eva” in onore della paleobotanica Eva Koppelhus, è fornita da una miniera nella valle di Hukawng nello stato di Kachin, nel nord del Myanmar. L’ambra di questa regione molto probabilmente contiene la più grande varietà del mondo della vita animale e vegetale del Cretaceo. Dal mercatino birmano di Myitkyina, capitale dello stato di Kachin, Xing e il suo gruppo di ricerca nel 2015 hanno trovato più di una dozzina di campioni di ambra con inclusioni significative.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie