Contraccettivo “Essure” sotto accusa, provoca dolore cronico e sanguinamenti frequenti

Dopo gli Stati Uniti, dove sarebbero migliaia le pazienti che hanno riferito una serie di complicazioni dopo aver inserito il dispositivo anticoncezionale Essure di Bayer, suscita interrogativi anche in Francia, dove è partita una petizione con 4.000 firme.

Effetti secondari violenti tra dolore cronico, sanguinamenti frequenti, affaticamento e reazioni del sistema immunitario sono segnalati Oltralpe dove da oggi vengono presentate le prime denunce. Essure è uno strumento anticoncezionale che viene impiantato nelle tube delle pazienti in una procedura ambulatoriale e crea una barriera naturale all’ingresso degli spermatozoi prevenendo così il concepimento. In Francia, circa 120’000 donne lo hanno scelto come anticoncezionale.

Una petizione da oltre 4.000 firme chiede alla ministra della Salute, Marisol Touraine, di intervenire, mentre l’Agenzia Nazionale della Sicurezza del Farmaco (ANSM) ha precisato che gli impianti tedeschi di Bayer sono oggetto di una “sorveglianza rafforzata”. Dal 2012, 700 segnalazioni sono giunte all’agenzia parigina. La Francia non è la prima a porsi serie domande su questo prodotto. Possibili rischi per la salute del contraccettivo permanente sono stati esaminati dagli esperti Usa della Food and drug administration (Fda). Tuttavia, la FDA non ha trovato alcuna prova conclusiva che colleghi questi casi al dispositivo.

La Bayer ha detto inoltre: “La sicurezza e l’efficacia di Essure, approvato dalla FDA nel 2002 e l’unico metodo permanente approvato dalla FDA per il controllo non chirurgico delle nascite, è supportato da più di un decennio di esperimenti, con più di 10.000 donne studiate da quando il dispositivo è stato sviluppato, e più di un decennio di esperienza clinica nel mondo reale “. Tuttavia, gli ultimi due anni hanno visto la FDA ricevere una serie di denunce da parte delle donne che utilizzano il dispositivo. Nella sua risposta, la Bayer, che ha acquisito Conceptus nel 2013, sta acquisendo le denunce perché l’azienda è coperta da potenziali cause di responsabilità del prodotto. Alcuni esperti hanno chiesto ulteriori studi, dicendo che il dispositivo era semplicemente stato scarsamente monitorato dopo che è giunto sul mercato.

Alcuni medici rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, hanno criticato la mancanza di un gruppo di confronto e la fretta di approvare l’impianto permanente dopo solo un anno di di sterilizzazione tubarica per la maggior parte dei partecipanti degli studi clinici.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie