Huawei P10 ispirato al Galaxy S7 Edge: data uscita e specifiche

Alla presentazione del Huawei P10 manca ancora qualche mese, se questa avverrà esattamente dopo un anno da quella del P9, dovrebbe avvenire ad aprile 2017. Eppure se ne parla già da un po’ e sono tanti i rumors apparsi in rete negli ultimi mesi di quest’anno  che indicano anche specifiche tecniche e form factor.

Huawei è certamente al lavoro già da qualche tempo sul successore del top di gamma di quest’anno, il P9, che avuto un ottimo successo ed ha contribuito a portare il brand cinese al terzo posto dei produttori di smartphone punto e dunque evidente l’interesse verso il prossimo top di gamma, il Huawei P10, che dovrebbe portare miglioramenti nella scheda tecnica del suo predecessore.

Dai rumors pare che il dispositivo sarà dotato di un display da 5,5 pollici QHD curvo e con sensore di impronte sul tasto fisico posto nella parte anteriore in tipico stile Samsung Galaxy S7 Edge, come già visto sul Mate 9 Porsche Design.

Nella parte posteriore ancora una doppia fotocamera prodotta in collaborazione con Leica e dual flash a LED e chip per la ricarica wireless. Quest’ultima caratteristica sarebbe molto interessante per due motivi.

Il primo è che sarebbe la prima volta per un dispositivo Huawei essere dotato di ricarica wireless e il secondo motivo è che l’alluminio utilizzato in genere sui top di gamma dell’azienda si scontra concettualmente con essa.

Sotto la cover potremmo trovare il processore Kirin 960 associato a 4GB di RAM e 64GB di memoria interna. Potrebbe essere disponibile anche un modello di livello superiore con 6GB di RAM e 128GB di memoria interna.

Se effettivamente il P10 avrà display da 5,5 pollici curvo in stile Samsung (si dice che l’imitazione sia la più sincera forma di adulazione) è lecito pensare che l’azienda cinese potrebbe presentare anche una versione flat proprio come fatto con il Mate 9 e allo stesso modo di quest’ultimo potrebbe anche essere più conveniente a livello economico. I primi mesi del prossimo anno ne sapremo certamente di più.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie