Samsung Galaxy S8: display all-screen senza tasto fisico

Il Samsung Galaxy S8 è oggetto di indiscrezioni e leak sempre maggiori con l’avvicinarsi del nuovo anno e l’avvicinarsi della presentazione che, come riporta Bloomberg, potrebbe non avvenire nella classica cornice del MWC di Barcellona. Facciamo chiarezza sulla miriade di informazioni, a volte contrastanti, che si leggono in rete.

Con il prossimo top di gamma della serie Galaxy S, Samsung punta molto, forse tutto, per uscire, e riuscire a far dimenticare, dal grosso errore chiamato Galaxy Note 7. La società sudcoreana è solita presentare più di un dispositivo della stessa serie, basti pensare ai vari Galaxy Mini, maxy, zoom, vari ed eventuali.

Dunque, le diverse informazioni sulla versione definitiva del Galaxy S8 potrebbero essere solo le caratteristiche di diverse versioni dello stesso smartphone. a mesi dalla presentazione e arrivo sul mercato non si può parlare di certezze, però si può considerare come plausibili molte delle notizie trapelate sul nuovo device dell’azienda.

Galaxy S8: le novità plausibili

Processore. Due, quello prodotto in casa da Samsung, l’Exynos 8895 (la più probabile che arrivi in Italia) e lo Snapdragon 835 di Qalcomm, lo che sarà installato anche sui pc con Windows 10.

Display. Diagonali differenti per diversi modelli. Possiamo aspettarci dimensioni che variano tra i 5,2 e i 6 pollici in base al modello (flat, edge ecc.). Per quanto riguarda la risoluzione le voci più accreditate danno per certa la 4K anche se non bisognerà meravigliarsi se sarà ancora 2K. È quasi certo sarà un Super AMOLED.

RAM. Anche in questo caso sono molte le voci che si rincorrono fornendo numeri più o meno plausibili. Si parte dai 4 fino ad arrivare addirittura agli 8GB. Che nel 2017 vedremo smartphone con 8GB praticamente non vi è dubbio alcuno che però tra questi vi sia l’S8 è molto difficile, molto più probabile che siano 6GB di RAM che comunque non è poco, anzi.

Storage. Saranno 64GB per il modello base e dovrebbe esserci anche la versione con 256GB di memoria interna.  Con queste quantità sembra superflua la presenza della microSD per questo alcuni addetti ai lavori propendono per la sua assenza anche se bisogna ricordare che questo è stato uno degli errori con il Galaxy S6 per cui è difficile che possa mancare su un dispositivo così importante.

Sistema operativo. Ovviamente Android Nougat con interfaccia personalizzata con la TouchWiz. Tante le nuove funzioni studiate per il dispositivo e tra queste un nuovo assistente vocale, intelligenza artificiale, 3D Touch avanzato, sensori biometrici.

Fotocamera. Quella anteriore rimarrà la solita da 5MP con autofocus, sarebbe la prima del genere. Per la fotocamera posteriore c’è un po’ di confusione sulla presenza o meno di un doppio sensore. A prescindere da questo, la fotocamera per Samsung è sempre stata un vanto e il know how dovuto alla produzione di fotocamere compatte. Dunque non c’è dubbio che sarà almeno da 12MP con tecnologia dual pixel presentata sul Galaxy S7 a febbraio di quest’anno a Barcellona.

Alcune considerazioni

Come detto è probabile che siano diverse le varianti presentate e quindi diverse anche alcune caratteristiche. La società di Seul potrebbe ritardare la presentazione a marzo per terminare i test sui modelli che potrebbero avere un numero che va da uno a tre.

Tra questi due modelli per così dire classici: flat ed edge, che ricordano il form factor degli S7, ed un terzo con tutte le nuove caratteristiche come assenza di bordi, del jack audio e del tasto fisico. Nel caso di questo modello la diagonale del display potrebbe essere molto ampia fino a superare i 6 pollici.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie