Beauty in dolce attesa: i trattamenti estetici a prova di gravidanza

La gravidanza rende più belle e questo è un fatto già noto, senza contare che sono sempre di più le donne che non intendono rinunciare alla cura estetica del proprio corpo durante i nove mesi di dolce attesa. Ma è davvero possibile sottoporsi ai soliti trattamenti estetici anche durante questa particolare e delicata fase della vita di una donna? Esistono rischi e controindicazioni?
Oggi siamo qui per darvi delle risposte e dei consigli utili sui trattamenti di bellezza che possono essere effettuati in gravidanza, senza esporre il feto ad alcun rischio.

Trattamenti estetici: rischi e consigli di stile – Nessuna controindicazione per i trattamenti estetici del corpo, delle mani e dei capelli in gravidanza. L’ok arriva direttamente dagli Stati Uniti, precisamente dal decalogo stilato dalla dottoressa Mary Rosser, appartenente al dipartimento di Ginecologia ed Ostetricia del Children Hospital di Montefiore e dell’Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University. Il decalogo contiene la lista dei trattamenti estetici che possono essere effettuati durante i nove mesi di gravidanza.

Manicure: rischi e consigli di stile – Nessun tipo di rischio per le future mamme che vogliano sottoporsi ai trattamenti di ricostruzione delle unghie in gel o all’applicazione degli smalti semipermanenti, purché questi avvengano dopo i primi tre mesi di gravidanza. Naturalmente, occorre prestare molta attenzione a non entrare in contatto con germi e batteri, chiedendo all’estetista di non tagliare le cuticole e le pellicine per evitare di ferirsi. Inoltre, bisogna accertarsi che gli strumenti utilizzati siano sterilizzati oppure monouso. Durante l’applicazione degli smalti o del gel è buona norma evitare di respirare i cianoacrilati, sostanze tossiche che si trovano nella loro composizione, utilizzando una mascherina o chiedendo all’estetista di eseguire il trattamento in un ambiente ben areato. Non esistono forti controindicazioni a riguardo, si tratta più che altro di misure precauzionali.
È altresì importante sottoporsi esclusivamente a trattamenti estetici eseguiti da professionisti del settore seri ed affidabili. Se, da un lato, è vero che l’applicazione di prodotti di scarsa qualità può portare ad un minimo assorbimento di sostanze tossiche, è altrettanto vero che l’applicazione di gel e smalti di comprovata qualità, maneggiati da personale affidabile ed esperto, non causano alcun rischio per la salute. L’unico caso in cui un trattamento estetico potrebbe rivelarsi dannoso è quando è il medico a sconsigliarlo.
Per quanto riguarda i consigli di stile, per le donne in dolce attesa si va dalle nuance più chiare e naturali a quelle più scure per le mamme dark. La french manicure è molto in voga nell’ambiente pre-maman, soprattutto perché è abbinabile ad ogni outfit. Molto apprezzato anche il rosa, declinato in tutte le sue sfumature.

fonte immagine ebranditalia.com

Tinta per capelli: rischi e consigli di stile – La tinta per capelli in gravidanza è un altro di quei trattamenti demonizzati in passato, in quanto si riteneva fosse dannoso per il feto per via dell’assorbimento, da parte del cuoio capelluto della mamma, di sostanze tossiche presenti nelle tinture. In realtà, le tinte per capelli sono prive di rischi, bisogna solo evitare di farle nei primi tre mesi di gravidanza, in via precauzionale. Nel primo trimestre si può ricorrere alle tinte per capelli naturali, come i riflessanti a base vegetale. Dopo i primi tre mesi, si deve prestare attenzione a non respirare i fumi dell’ammoniaca durante i trattamenti, e a non entrare in diretto contatto con sostanze chimiche. Anche in questo caso, sarà buona norma chiedere al parrucchiere di applicare la tintura in una zona ben areata del salone. Come ulteriore misura di sicurezza, si può optare per un’applicazione parziale della tinta, ovvero solo sulle lunghezze evitando di andare a contatto diretto con il cuoio capelluto. Per quanto concerne il look dei capelli, bisogna optare per un taglio che valorizzi il particolare momento che si sta vivendo, senza rinunciare al comfort. Molto in voga tra le future mamme è il taglio medio/corto, con la lunghezza che non supera la linea delle spalle. I tagli corti sono out, poiché, in un periodo del genere, è bene che il viso sia incorniciato da un taglio morbido, che all’occorrenza permetta di raccogliere i capelli. L’indicazione generale è quella di evitare i tagli mascolini, eccessivamente corti o troppo aggressivi, prediligendo delle forme più morbide e delicate.

fonte immagine capellistyle.it

Trattamenti viso e corpo – Solitamente, durante la gravidanza, la pelle diviene più lucente e bella: questo fatto è dovuto al cambiamento della situazione ormonale e circolatoria che favorisce la secchezza delle pelli grasse, migliorando l’acne. A volte, però, può capitare che la pelle diventi più sensibile e si verifichi l’effetto opposto. Se comparissero gli antiestetici brufoli, è bene evitare di assumere farmaci, prediligendo invece l’uso di cosmetici privi di olio. Bisogna inoltre lavare la pelle del viso due volte al giorno, la mattina e la sera, usando acqua tiepida e un detergente neutro, delicato e possibilmente naturale. Per quanto riguarda la cura del corpo in gravidanza, si consiglia fortemente di ricorrere ai massaggi, che aiutano sia a ridurre gli accumuli di grasso, favorendo lo smaltimento della cellulite e delle smagliature, sia per stimolare il ritorno linfatico diminuendo il tipico gonfiore agli arti inferiori. Naturalmente, è bene evitare l’utilizzo di creme o di apparecchiature particolari, affidandosi a medici esperti che trattino il corpo con un approccio fisioterapico.
Infine, ricordiamo che la pelle in gravidanza è soggetta ad una maggiore sensibilità e predisposizione agli effetti del sole: considerando gli elevati livelli di estrogeni nel sangue, è meglio evitare un’esposizione prolungata ai raggi UV. D’obbligo l’utilizzo di creme solari protettive.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie