Impiantata prima Retina artificiale organica ‘Made in Italy’

La prima retina artificiale organica altamente biocompatibile, in grado di rimpiazzare i fotorecettori degenerati, è stata realizzata dall’Iit di Genova con il Centro Neuroscienze e Tecnologie sinaptiche (Nsyn) e Centro di Nanoscienze e Tecnologie (Cnst), il dipartimento di Oftalmologia dell’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar (Verona), Innovhub-Ssi Milano e l’Università dell’Aquila. “Il polimero una volta impiantato sotto la retina – spiega la dottoressa Grazia Pertile Pertile, direttore dell’Oculistica dell’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar (Verona) – agisce come una vera e propria cella foltovoltaica, capace di catturare, come i recettori dell’occhio, il segnale luminoso, trasformarlo in elettrico per poi inviarlo al cervello dove verrà codificato in immagine”

I risultati della sperimentazione, raccolti nell’articolo scientifico ‘A fully organic retinal prosthesis restores vision in a rat model of degenerative blindness’, sono stati pubblicati da Nature Materials, tra le più importanti riviste dedicate a scoperte in scienze biologiche, chimiche e fisiche. La retina artificiale, impiantata in animali portatori di mutazione spontanea di uno dei geni implicati nella retinite pigmentosa umana, ha ripristinato riflesso pupillare, risposte corticali elettriche e metaboliche agli stimoli luminosi, acuità visiva e orientamento nell’ambiente guidato dalla luce.

Questo importante recupero funzionale è rimasto efficace per oltre 10 mesi dopo l’impianto della retina artificiale, senza causare infiammazione dei tessuti retinici o dalla degradazione dei materiali costituenti la protesi. La protesi consiste in un doppio strato di polimeri organici, alternativamente semiconduttore e conduttore stratificati su un base di fibroina, proteina che in natura costituisce la seta.

Tale dispositivo è in grado di convertire gli stimoli luminosi in un’attivazione elettrica dei neuroni retinici risparmiati dalla degenerazione. In questo modo, la stimolazione luminosa dell’interfaccia provoca l’attivazione della retina priva di fotorecettori, mimando il processo a cui sono deputati i coni e bastoncelli presenti nella retina sana.

I vari test hanno evidenziato il “ripristino” di riflesso pupillare, risposte corticali elettriche e metaboliche agli stimoli luminosi, acuità visiva e orientamento nell’ambiente guidato dalla luce. Questo importante recupero funzionale è rimasto efficace per oltre 10 mesi dopo l’impianto della retina artificiale, senza causare l’infiammazione dei tessuti o la degradazione dei materiali che compongono il dispositivo.

I polimeri organici, alternativamente semiconduttore e conduttore, sono stratificati su una base di fibroina, la cosiddetta proteina della seta. La stimolazione luminosa dell’interfaccia provoca l’attivazione della retina priva di fotorecettori, mimando il processo a cui sono deputati i coni e bastoncelli presenti nella retina sana.

Il progetto, che ha ottenuto due importanti finanziamenti Telethon per la ricerca sulle malattie genetiche, vede l’impegno di un team multidisciplinare formato oltre che dall’équipe della dottoressa Grazia Pertile, direttore dell’Oculistica dell’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar (Verona), anche dal gruppo del professor Guglielmo Lanzani, fisico del Politecnico e direttore del Centro di nanoscienze e tecnologia dell’Istituto italiano di tecnologia (IIT) di Milano, e da quello del professor Fabio Benfenati, direttore del Dipartimento di Neuroscienze e neurotecnologie dell’IIT di Genova. Partecipa allo studio anche la professoressa Silvia Bisti del Dipartimento di Scienze cliniche applicate e biotecnologia dell’Università dell’Aquila.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie