Milano4You, sarà la prima Smart City italiana e sorgerà a Segrate nel milanese

Green, giovane, contemporaneo e versatile, non solo poiché “la persona”, con la qualità della vita oltre che le sue esigenze, sarà al centro del progetto Milano4You voluto e guidato dal project managing R.E.D. Srl e in collaborazione, tra gli altri, con il Politecnico di Milano, Samsung e IBM. In un’area di 300 mila mq tra Segrate, Pioltello e Vimodrone si troveranno le migliori innovazioni tecnologiche a sostenibilità, mobilità e rispetto per l’ambiente.

Il complesso Milano4You, ospiterà circa 90 mila mq di superficie edificata immersa in un ampio parco di 80 mila mq. Secondo quanto spiega Angelo Turi, amministratore di R.E.D. srl, lo scopo del progetto è di coniugare un team di urban design classico, con un team energy e un team digitale e cambiare radicalmente il modello di sviluppo immobiliare tradizionale. “Il mercato immobiliare -precisa ancora Turi- non ha avuto un’evoluzione paragonabile a quella avvenuta in altri settori, siamo convinti che si debba parlare di crisi di un determinato prodotto immobiliare più che di crisi del mercato stesso. Inoltre, oggi il digitale pervade le nostre vite e lo farà sempre di più, nel lavoro, nei gesti quotidiani, nella mobilità urbana e anche in casa. Noi riteniamo che questo progetto risponda perfettamente a questa esigenza, proponendo servizi con un utilizzo discreto e ragionato delle tecnologie, mettendo al centro la persona e i servizi”.

Ma quale sarà il concept architettonico? Curato dallo Studio Sagnelli Associati, sarà costituito da un mix funzionale articolato che nello specifico comprenderà, oltre alla residenza (libera e social housing), anche unità commerciali, direzionali, una residenza per anziani e ancora un centro sportivo e uno culturale. Quest’ultimo sarà ospitato nella storica Cascina Boffalora, l’unico edificio presente nell’intera area di intervento. Anche la progettazione energetica, grazie al coordinamento del Politecnico di Milano, sarà innovativa e si avvarrà di una gamma di soluzioni già applicate con successo in altri Paesi del mondo, dal Nord Europa al Giappone.

Tra questi building automation, impianti di cogenerazione alimentati a biomassa, sistemi fotovoltaici integrati, pompe di calore geotermiche, recupero e riutilizzo delle acque piovane, ecc. In ultimo, il sistema energetico permetterà, grazie alle risorse locali rinnovabili disponibili, di soddisfare, quasi totalmente il fabbisogno del quartiere riguardo riscaldamento, raffrescamento, produzione di acqua calda sanitaria, nella misura stimata tra 80% e il 100%, con il risultato di costi energetici bassi e un’elevata sostenibilità economica per gli utenti finali, oltre a vedere quasi completamente annullate le emissioni di gas climalteranti, mentre la progettazione digitale grazie a Samsung e IBM prevede infrastrutture di fibra e wireless ad alta velocità.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie