Colombia, frana di Mocoa: si aggrava il bilancio oltre 254 morti

Sono almeno 254 i morti nella frana che ha travolto ieri la cittadina di Mocoa, in Colombia. Lo riferiscono le forze di sicurezza colombiane, citate dalla Bbc. Un bilancio che continuerà ad aggravarsi: l’esercito ha reso noto che i dispersi sono circa 200 mentre i feriti sono oltre 400. Più di 1.100 soldati e poliziotti sono impegnati nelle operazioni di soccorso.

A causare la colata di fango, in una delle zone più povere del Paese, le piogge torrenziali abbattutesi negli ultimi giorni sulla Colombia che hanno fatto straripare tre fiumi, Mocoa, Sangoyaco e Mulatos, che circondano la citta’. Il governo colombiano ha schierato a Mocoa 1.120 tra militari e agenti di polizia.

Ricerche sospese nella notte per mancanza di elettricità – I soccorritori che hanno sospeso nella tarda serata di sabato le ricerche dei dispersi per la mancanza di corrente hanno assicurato che le ricerche proseguiranno alle prime luci dell’alba della domenica mattina locale. I corpi delle persone trovate morte sono stati composti in una camera mortuaria temporanea dove tre squadre di medici legali stanno lavorando per identificare rapidamente le spoglie.

Il quotidiano locale Caracol Radio scrive che “la situazione nella città di Mocoa, colpita da una valanga di fango dopo lo straripamento di tre fiumi”, a causa delle intense piogge, è “devastante”. “E’ una tragedia. chiediamo l’Sos”, ha detto il sindaco, Jose Antonio Sanchez, precisando che i quartieri colpiti sono 17. I fiumi straripati, tra cui il Mocoa ed il SanBoyaco hanno invaso e distrutto le case, spazzato via i veicoli e due ponti.

Il governatore della regione colpita dal maltempo, Sorrel Aroca, ha detto che interi quartieri sono sepolti, dal fango. Il sindaco di Mocoa, capoluogo del dipartimento di Putumayo, ha aggiunto che la sua città è “totalmente isolata”, senza elettricità e acqua. Marzo è stato il mese più piovoso dal 2011, stando all’agenzia meteorologica locale. Putumayo è al confine tra l’Ecuador ed il Perù. E proprio in quest’ultimo Paese dall’inizio dell’anno almeno 90 persone hanno perso la vita per le forti piogge, che anche in questo caso hanno causato valanghe ed inondazioni.Il presidente colombiano Juan Manuel Santos ha dichiarato lo stato di calamità nella regione di Putumayo colpita dal maltempo. Lo scrive il sito del quotidiano Caracol Radio. Santos ha precisato che in questo modo sarà possibile allocare le risorse e attivare i meccanismi necessari per le cure d’emergenza per le vittime del disastro.

Condividi questo articolo: 

AH, LEGGI ANCHE QUESTI !



 

Altre Notizie