Autobomba a Kabul: 80 morti e oltre 350 feriti, l’ospedale di Emergency scosso dall’esplosione

Questa mattina, alle 8:30, Kabul è stata colpita dall’ennesimo attentato: l’esplosione di un’autobomba, in un orario in cui le strade sono molto affollate, ha provocato 80 morti e 350 feriti nel distretto Wazir Akbar Khan, la zona delle ambasciate.

L’ospedale di Emergency, distante poche centinaia di metri, ha ricoverato 69 feriti, 8 sono arrivati morti. Il pronto soccorso è ancora pieno di pazienti. Anche l’ospedale ha subito dei danni, ma tutto lo staff sta bene e sta lavorando incessantemente per assistere i feriti.  “Sono 16 anni che qui offriamo assistenza chirurgica alle vittime di guerra. 16 anni: questa guerra non solo non accenna a finire, ma diventa sempre più violenta, anche nella capitale”, dice Dejan Panic, coordinatore dell’ospedale.

Quasi tutte le vittime sono civili e molti di essi sono dipendenti della compagnia di telefonia cellulare afghana Roshan. Lo sostiene la tv Ariana. Queste informazioni sono rilanciate anche da 1TvNews che segnala come l’esplosione abbia danneggiato anche l’edificio dove si trovano i suoi studi. Nell’attentato sono rimasti feriti anche alcuni dipendenti dell’ambasciata tedesca. Lo ha detto il ministro degli Esteri Sigmar Gabriel. Un addetto alla sicurezza afghano è rimasto ucciso

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie