Fingeva di vaccinare i bambini, ora in 7.000 dovranno ripetere la vaccinazione

Settemila bambini dovranno essere sottoposti a nuove vaccinazioni, somministrando di nuovo circa 20mila dosi, per una spesa di qualche centinaio di migliaia di euro. Un terzo delle dosi somministrate in Friuli ai bimbi sotto l’anno di età e circa la metà di quelle date ai bambini più grandi dall’assistente sanitaria trevigiana sospettata di aver finto le vaccinazioni non sarebbero state somministrate correttamente. Lo ha reso noto la task force a Udine.

“Quello che è chiaro già oggi – ha detto il direttore generale dell’Aas 3, Pier Paolo Benetollo, in attesa dei numeri precisi che saranno disponibili solo martedì – è che alcuni vaccini sono stati somministrati “per finta”. Riteniamo che solo una parte delle dosi somministrate dall’assistente sia stata fatta scorrettamente. Quindi nel complesso la maggior parte delle vaccinazioni somministrate è certamente efficace. Questo fa sì che attualmente siano protetti, ma non possiamo avere certezza che la loro protezione duri per tutta la vita o per il tempo previsto per la vaccinazione”.

La task force sanitaria ha quindi deciso di “seguire il principio di massima precauzione e di ripetere tutte le dosi somministrate nei giorni in cui l’assistente era in servizio” a Codroipo (Udine), tra il 16 novembre 2009 e il 18 dicembre 2015. La task force conta di fornire una nuova dose di vaccino entro maggio a tutti i bambini che potrebbero averne bisogno. Il piano straordinario, con i richiami dei bambini e le vaccinazioni degli adulti, sarà completato entro 6 mesi.

“Contemporaneamente alla nostra apertura dell’indagine – ha spiegato il Procuratore di Udine, Antonio De Nicolo – ho ricevuto il direttore generale dell’Azienda sanitaria 3 che è venuto a raccontarci quanto stava emergendo dai loro controlli, in un ambito di leale collaborazione tra le istituzioni”. L’indagine, coordinata dal pm Claudia Danelon, è diretta a verificare se vi sia stata un’attività omissiva e chi ne debba rispondere, conclude De Nicolo.

Condividi questo articolo: 


 

Altre Notizie