Cani a rischio colpo di calore, ecco cosa fare

Con il caldo torrido di questi giorni anche la salute degli amici a quattro zampe potrebbe vacillare. In agguato ci sono colpi di calore e disidratazione che tra i ‘domestici’ potrebbero sorprendere più i cani che i gatti. Ma come proteggere gli animali dal caldo eccessivo? “Il rischio di un colpo di calore si verifica quando le temperature sono troppo elevate e non c’è ricambio d’aria – spiega Marco Melosi, presidente dell’Associazione nazionale medici veterinari italiani (Anmvi), parlando con l’Adnkronos Salute – In questi casi infatti la respirazione a bocca aperta diventa insufficiente per abbassare la temperatura corporea. E l’unico rimedio è rovesciare acqua addosso all’animale”.

Ma il rischio, a dispetto di quello che si pensa “non si corre solo in macchina: seppure non si deve mai lasciare il cane da solo in auto d’estate, neanche con il finestrino abbassato e all’ombra – osserva l’esperto – il colpo di calore può sorprendere anche in balcone se il sole è diretto e non c’è ricircolo d’aria, o persino in un giardino protetto da muri”. I primi sintomi sono “difficoltà respiratoria, un grado di eccitazione che può esitare in convulsioni e nei casi peggiori può portare a morte”.

Dunque cosa fare? “Bisogna abbassare immediatamente la temperatura corporea rovesciando grandi quantità di acqua fresca sul cane e privilegiando soprattutto gli arti e la testa. I più piccoli – suggerisce Melosi – possono essere immersi direttamente in una vasca o sotto il lavandino. Per i più grandi va bene anche una pompa da giardino”.

“Poi bisogna portare l’animale dal veterinario il più presto possibile e farlo bere spesso ma senza esagerare: bere troppo può provocare vomito”, aggiunge Melosi. Ma non per tutti i cani il rischio è lo stesso: “Le categorie più esposte sono le razze brachicefaliche: il carlino, il bulldog francese, il bulldog inglese. Poi se sono anche anziani e obesi si raggiunge il top del rischio”. Infatti per “i cani anziani, cardiopatici e diabetici – consiglia l’esperto – bisogna stare anche attenti all’alimentazione ed evitare che l’animale aumenti di peso. E’ consigliabile inoltre l’aria condizionata in casa e in auto, e passeggiate brevi alla sera o al mattino presto per evitare le ore più calde”.

Ecco alcune regole di buon senso che eviteranno al vostro amato cane di stare seriamente male:

  • Acqua fresca sempre e dovunque
  • Mai in passeggiata dopo le 11,00 del mattino e prima delle 16,30 del pomeriggio.
  • Se devono espletare i bisogni limitatevi allo strettissimo necessario e rimandate la camminata in orari più sicuri.
  • Mai lasciare il cane su un terrazzo o terrazzino di casa ma in una stanza fresca e ben ventilata.
  • Se intendete lasciarlo in giardino è fondamentale creare una zona (possibilmente rivolta a nord) ben ombreggiata dove collocare abbondante acqua fresca.

In spiaggia valutate bene se sia il caso di portarlo. Stare sotto l’ombrellone può non essere sufficiente. Bagnategli le zampe, la testa e la pancia. E fatelo bere spesso.

In ogni caso pensate al cane come a un bambino piccolo. Lo portereste a mezzogiorno sotto il sole?

Se malauguratamente il quadrupede dovesse prendersi un colpo di calore, cercate di abbassargli la temperatura e portatelo immediatamente dal veterinario. Ecco cosa fare:

  • mettetelo immediatamente all’ombra
  • bagnatelo abbondantemente con acqua fredda su testa, pancia e zampe (20°C circa) o immergetelo e tamponatelo. Usate delle borse del ghiaccio appoggiandole sulla testa o sotto le ascelle
  • fategli prendere aria

Appena è fuori pericolo sottoponetelo a visita veterinaria.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie