Diabete, con germogli dei broccoli glicemia sotto controllo, inibisce la produzione di glucosio

Oltre ad essere ricchissimi di nutrienti, i germogli dei broccoli potrebbero dare un aiuto ai diabetici. Secondo uno studio pubblicato su “Science translational medicine”, i germogli  dei broccoli consentirebbero ai pazienti affetti da diabete di tipo 2 di tenere sotto controllo la glicemia, il sulforato, di cui è ricco l’ortaggio, inibisce la produzione di glucosio, tenendo così sotto controllo la glicemia.

I ricercatori hanno analizzato 3800 composti utilizzati nei medicianali per diabetici. Uno dei più efficaci è risultato essere il sulforato, di cui sono ricchi i broccoli. Il passo successivo è stato verificarne l’efficacia in una sperimentazione che ha coinvolto 97 pazienti: per 12 settimane è stato somministrato ad alcuni di loro il composto e ad altri un placebo. Risultato, il sulforato si è dimostrato efficace per l’attenuazione di diversi fattori legati al diabete: ha soppresso la produzione di glucosio da cellule epatiche e ridotto quella derivante da enzimi. Il concentrato di sulforato, ottenuto da un estratto di germogli di broccoli, ha inoltre abbassato i livelli di emoglobina glicata (indice usato per misurare il glucosio nel sangue) nei pazienti obesi.

Gli effetti collaterali delle altre cure. Il sulforato, si legge nella ricerca, ha quindi attenuato l’eccessiva produzione di glucosio, con effetti paragonabili a quelli della metformina, un farmaco usato contro il diabete che però non può essere adottato dal 15% dei pazienti a causa dei possibili effetti collaterali sul fegato. La metformina, inoltre, ha ricorrenti effetti collaterali: il 30% dei pazienti accusa nausea, gonfiore, dolori addominali e diarrea. Con una quota tra il 5 e il 10% costretto a interrompere l’assunzione. Serviranno ulteriori studi e approfondimenti, ma l’uso del sulforato potrebbe essere un’alternativa per i 300 milioni di persone che soffrono di diabete di tipo 2.

Proprietà Nutrizionali

I broccoli contengono vitamina A, essenziale per il buon funzionamento della vista e per mantenere sana la pelle, vitamina C, fondamentale per il sistema immunitario, e vitamina K, molto importante per la coagulazione del sangue. Inoltre, sono ricchi di sali minerali come il potassio, il ferro, il fosforo, il calcio e lo zolfo (al quale si deve il caratteristico odore durante la cottura), elementi indispensabili per la costituzione di cellule e tessuti e per l’idratazione cutanea.

Quest’ortaggio contiene poche calorie, circa 30 per ogni etto, pochissimi grassi e vanta un buon potere saziante, il che la rende un alimento particolarmente indicato nelle diete ipocaloriche. I fitoestrogeni presenti riescono a contrastare l’insorgenza dei tumori connessi all’attività degli ormoni, quali il cancro alla mammella e quello alla prostata. Ma anche la pianta matura dei broccoli, contenente indolo-3-carbinolo, ha effetti inibitori del cancro al seno. Inoltre, il buon contenuto di sostanze antiossiddanti, come polifenoli, carotenoidi, indoli e sulforafano, li rende molto utili nella prevenzione dei tumori che colpiscono l’apparato digerente.

Questa sostanza si è rivelata molto utile anche per le persone affette da diabete, dal momento che essa contribuisce a riparare i danni all’apparato cardiovascolare provocati dall’iperglicemia. Alcuni ricercatori dell’università britannica di Warwick hanno effettuato dei test per verificare gli effetti del sulforafano sulle cellule dei vasi sanguigni di pazienti diabetici, scoprendo che esso riduceva del 73% i radicali liberi a contenuto di ossigeno, i cosiddetti “Ros” (Reacting Oxygen Species), e che attivava una proteina, la Nrf2, capace di proteggere le arterie dalla formazione di placche. I germogli di broccoli sono indicati in formulazione a protezione epatica da tossine ma anche nell’affaticamento epatico da farmaci; sono inoltre indicati come antiossidanti a scudo sui radicali liberi generanti dall’inquinamento così come nella prevenzione di malattie degenerative a carico delle strutture cellulari più sensibili; recentissimamente è stata indicato l’uso nelle patologie oculari.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie