Napoli, Zanzare in Ospedale: “Aiutateci ci mangiano vivi”

Non c’è proprio pace per la sanità napoletana, dopo la denuncia per le formiche nel letto di una paziente al San Paolo, adesso è allarme zanzare all’Ospedale San Giovanni Bosco”. A lanciarlo, dopo lo scandalo dell’invasione di formiche al San Paolo, il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione sanita’ Francesco Emilio Borrelli che da stamattina e’ stato contattato da diversi utenti e parenti dei pazienti “Attorno all’Ospedale del San Giovanni Bosco – spiega Borrelli, ricordando che il fatto e’ stato denunciato anche da il Mattino – ci sono diversi acquitrinii e paradossalmente nel nuovo pronto soccorso e anche in alcuni reparti l’aria condizionata e’ rotta. Gia’ in passato c’erano stati gravi problemi simili nel reparto di ginecologia”.

Gli insetti, ovviamente attirati anche dal sangue, risultano essere molto aggressivi con il rischio di trasmettere infezioni, poiché, in modo aggressivo e quasi a “sciame”, attaccano i degenti. “Questa notte assistevo mia madre ricoverata in pronto soccorso – racconta il parente di una paziente – ed ero costretto a toglierle le zanzare addirittura dai capelli e, nonostante il caldo, sono stato costretto a coprirla fino al collo per evitare che venisse “mangiata” da questi insetti”. Secondo quanto confermato da molti pazienti, la situazione va avanti da diversi giorni, e nonostante le ripetute sollecitazioni, il problema resta.

“Troviamo incredibile – prosegue il consigliere – che la direzione sanitaria dell’ospedale non abbia pensato a far aggiustare i condizionatori e in alternativa a mettere delle zanzariere nei reparti in cui c’e’ il problema che tra l’altro si ripete ciclicamente. Molti cittadini ci segnalano che l’emergenza zanzare va avanti da giorni con un picco in queste ultime ore. Alcuni pazienti sedati o anziani vengono letteralmente ‘divorati’ dalle zanzare senza alcuna possibilita’ di reagire e presentano il corpo ricoperto di punture con notevoli rigonfiamenti. Per questo i parenti di alcuni ricoverati gravi passano le giornate e fanno i turni a difendere i loro cari dall’aggressione di insetti”. Borrelli sara’ all’Ospedale stasera per verificare il problema che aumenta durante le ore notturne e lunedi’ 19 giugno alle 10.30 per parlare con la direzione dell’Ospedale e capire in che modo si vuole intervenire per risolvere il problema.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie