Scoperti i ‘geni di Braccio di Ferro’, influenzano la forza muscolare

Non solo allenamento, sollevamento pesi e tanti spinaci: il segreto per una forza degna di Braccio di Ferro si cela nei geni. Ad identificare per la prima volta i fattori genetici che influenzano la forza muscolare è un team dell’University of Cambridge (Gb), in uno studio su ‘Nature Communications’. Per scoprire i ‘geni di Braccio di Ferro’, i ricercatori hanno  coinvolto quasi 200.000 persone, potrebbero aiutare a individuare nuovi trattamenti per prevenire o trattare la debolezza muscolare.

I ricercatori hanno utilizzato i dati relativi a 140.000 persone che hanno partecipato allo studio sul Dna dei britannici UK Biobank, promosso Consiglio britannico per Ricerca medica (Mrc) e dalla Fondazione Wellcome Trust, insieme ai dati di altri 50.000 individui di Regno Unito, Paesi Bassi, Danimarca e Australia.

Così è stato possibile identificare 16 varianti genetiche associate alla forza muscolare. Molte di esse si trovano in prossimità di geni noti sia per il loro ruolo in processi biologici legati alla funzione muscolare, compresa la struttura delle fibre muscolari e la comunicazione del sistema nervoso con le cellule dei muscoli, sia per il loro ruolo in sindromi caratterizzate dalla compromissione della funzione muscolare.

Da tempo i genetisti sospettavano che dietro la variazione della forza muscolare e delle prestazioni dei muscoli ci fosse anche lo “zampino” dei geni. Adesso che sono state scoperte le varianti genetiche collegate alla forza, secondo Robert Scott, del Mrc, ’’potrebbe essere stato fatto un passo importante per l’individuazione di nuovi trattamenti per prevenire o trattare la debolezza muscolare’’ e anche il rischio di frattura, perché è stato visto che una maggiore forza muscolare riduce il rischio di frattura.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie