Tinture per capelli: fanno venire il cancro al seno?

Le tinture per capelli sono cancerogene? L’uso delle tinture per capelli è stato recentemente posto all’attenzione del mondo scientifico, certi prodotti per capelli fanno salire il rischio di cancro al seno. Un nuovo studio americano pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Carcinogenesis della Oxford University Press, cerca di dare delle risposte: alcune si basano su test animali, altre hanno preso in considerazione popolazione sana e con tumore, ma in generale ad oggi gli esiti appaiono contrastanti e in gran parte dipendenti dal tipo di prodotti utilizzati (alcuni effettivamente contenenti sostanze cancerogene).

Se finora gli studi, le ricerche e i test non avevano portato in sostanza a nulla di scientificamente rilevante, e comunque sono stati  contrastanti, ora la nuova ricerca pare indicare che ci sia un legame fra le tinture e i liscianti da una parte, e il carcinoma mammario dall’altra. Dice a proposito Stefania Gori, Direttore del Dipartimento di Oncologia al Cancer Care Center dell’ospedale Sacro Cuore di Verona: “Si tratta di uno studio condotto negli Stati Uniti, precisamente a New York e nello Stato del New Jersey, che ha incluso oltre 4.000 donne, di cui 2.280 con tumore al seno e 2.005 senza tumore”.

“Lo studio ha esplorato l’eventuale associazione tra il diverso uso di prodotti per capelli (tinture, liscianti chimici e balsami contenenti colesterolo e placenta) e il rischio di cancro alla mammella. Gli autori sostengono che, fra le donne afroamericane, l’uso di tinture scure è associato a un aumento del 51% del carcinoma mammario. Tra le donne bianche, invece, l’uso dei liscianti è associato a un aumento del rischio del 74%, e tale rischio risulta aumentato se si utilizza una combinazione di liscianti e tinture”.

“L’ipotesi avanzata è che i prodotti per capelli possano contenere sostanze cancerogene, come per esempio le ammine aromatiche che, se assorbite dall’organismo, potrebbero determinare danni al DNA e favorire lo sviluppo di tumori” “Inoltre i prodotti per capelli potrebbero contenere fonti di estrogeni o di sostanze che interferiscono con la regolazione ormonale e un’eccessiva esposizione agli estrogeni rappresenta un fattore di rischio per il tumore al seno”.

L’uso delle tinture per capelli è stato recentemente posto all’attenzione del mondo scientifico. I dati di alcuni studi hanno suggerito che potesse rappresentare un fattore di rischio per numerose forme tumorali. Se i timori venissero confermati, la notizia avrebbe una grande importanza, perché circa un terzo delle donne in Europa e Nord America e il 10 per cento degli uomini con più di 40 anni usano tintura per capelli. Queste notizie allarmanti, seguite da dichiarazioni controverse da parte di operatori sanitari, hanno messo in evidenza la necessità di indagare approfonditamente sul tema con una valutazione sistematica dell’evidenza epidemiologica.

I ricercatori del Dipartimento di Medicina Preventiva dell’Università di Santiago di Compostela hanno analizzato tutti gli studi scientifici pubblicati sull’argomento dal 1996 al gennaio 2005, escludendo quelli riguardanti l’esposizione per cause lavorative alle sostanze contenute nelle tinture di capelli e limitandosi all’uso domestico. Sono stati identificati 79 studi condotti in 11 nazioni sull’uso domestico di tinture per capelli e rischio di tumore: 14 sul tumore al seno, 10 sul tumore della vescica, 40 sui tumori emopoietici, 2 sui tumori cerebrali, 2 sui tumori della pelle, 4 sui tumori ovarici o della cervice.

I risultati indicano che non c’è alcuna correlazione tra uso personale di tinture per capelli e tumori al seno o alla vescica. È stato constatato un qualche effetto sui tumori emopoietici, ma i dati sono troppo deboli per stabilire un nesso causa-effetto e sarebbero necessarie ricerche più approfondite. La messa al bando di due sostanze cancerogene presenti nelle tinture per capelli fino agli anni ’70, il 2,4-diaminotoluene e il 2,4-diamminoanisolo rappresenta un dato tranquillizzante.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie