Bere alcool migliora la memoria

L’alcool potrebbe avere un merito che non gli abbiamo mai attribuito,  quello di aiutare la nostra memoria. Secondo nuove ricerche, bere una modesta quantità di alcool dopo aver appreso nuove informazioni migliora il richiamo della memoria di tali informazioni.

Il team di ricerca dell’Università di Exeter ha analizzato 88 bevitori relativamente a un’attività di apprendimento delle parole. Lo studio era composto da 57 femmine e 31 maschi tra i 18 ei 53 anni. I partecipanti sono stati suddivisi in maniera casuale in due gruppi, erano invitati a bere quanto desideravano o evitare completamente l’alcool. In media, quattro unità di alcol sono state consumate. Questo compito è stato ripetuto il giorno successivo. Coloro che consumavano l’alcol ricordavano maggiormente quello che avevano imparato durante il giorno precedente.

Il team di ricerca sottolinea che esiste un effetto limitato positivo successivo al consumo di alcool. Bisogna valutare però il peso di questo impatto positivo con l’ampia gamma di effetti negativi del consumo di alcool. L’alcool è noto infatti avere miriadi di effetti negativi sulla salute fisica e mentale, compresi alcuni aspetti della memoria.

La ricerca ha mostrato che coloro che consumavano l’alcool sono risultati migliori nel ricordare quanto appreso in precedenza.I ricercatori non sono sicuri di come si verifica questo effetto. La loro migliore spiegazione è che l’alcool interrompe l’apprendimento di nuove informazioni: in questo modo il cervello dispone di risorse aggiuntive a disposizione per mettere altri dati recentemente appresi nella memoria a lungo termine.

Una parte dell’ippocampo del cervello che è fondamentale per la memoria si muove a consolidare le memorie, inviando informazioni dalla memoria a breve termine alla memoria a lungo termine. L’importante è non eccedere e superare un drink al giorno o al massimo due per gli uomini. Un bicchiere di vino a pranzo o a cena va dunque bene, di più no: gli effetti nel lungo termine saranno indubbiamente negativi.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie