I cani diventano blu, chiusa azienda che riversava i rifiuti nel fiume

In questi giorni nella metropoli indiana di Mumbai stanno circolando almeno cinque cani blu o azzurri, e la causa della loro colorazione sarebbe gravissima: l’inquinamento dei fiumi. Una azienda locale che riversava i rifiuti non trattati della lavorazione industriale e i residui della polvere colorante blu nel fiume Kasadi a Taloja è stata chiusa. I cani, immergendosi nelle acque del fiume finivano per subire la clamorosa tintura. Avvistati nelle strade dell’area industriale di Taloja, poco fuori Mumbai.

La denuncia  è scattata da parte di alcuni ambientalisti locali al MPCB, l’autorità della regione del Maharashtra per il controllo dell’inquinamento. Una azienda locale che riversava i rifiuti non trattati della lavorazione industriale e i residui della polvere colorante blu nel fiume Kasadi a Taloja è stata chiusa. I cani, immergendosi nelle acque del fiume finivano per subire la clamorosa tintura.

“Era incredibile vedere il manto di qui cani diventato completamente blu,” dice Arati Chauhan, responsabile del Nucleo di Protezione degli Animali di Navi Mumbai che aveva rilanciato sul suo profilo Facebook le foto scattate in prima istanza da Deppak Gharat denunciando che “gli inquinatori della zona industriale di Taloja non solo rovinano le falde acquifere e mettono a rischio gli esseri umani, ma colpiscono anche gli animali, gli uccelli e i rettili.”

Non sarà comunque facile mettere in regola tutte le aziende attorno a quel fiume: sulle sue rive ci sono qualcosa come 1000 fabbriche e di conseguenza il rischio di imbattersi in sostanze inquinanti è elevatissimo. Le associazioni animaliste locali asseriscono di aver visto anche alcuni passerotti con colori diversi da quelli tipici, per cui è possibile che anche loro siano entrati in contatto con dei coloranti industriali.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie