L’artrite si potrà sconfiggere con una cura a base di alghe

Una patologia assai diffusa specie tra gli over 65 è l’artrite, che com’è noto, è un’infiammazione articolare di cui esistono oltre 100 tipologie che provoca un degrado progressivo delle membrane cartilaginee che proteggono le ossa, così com’è chiaro che porta conseguenze estremamente dolorose per le persone che ne sono affette.

La malattia può riguardare tutte le articolazioni ma colpisce soprattutto ginocchia, anche e dita. E la cosa più preoccupante che nonostante i progressi delle scienze biomediche, sino a ieri risultava essere incurabile. Gli antinfiammatori e gli analgesici consentono di combattere i sintomi ma non il problema in sé, che poteva essere risolto, a seconda dei casi, con interventi chirurgici. Proprio in data odierna, però, la stampa elvetica ha reso pubblico un importante successo da parte dei ricercatori del Politecnico federale di Zurigo, dell’EMPA e dell’Istituto di ricerche norvegese SINTEF, che hanno sviluppato un nuovo sistema per curare l’artrite. Hanno testato, infatti, una sostanza proveniente dalle alghe brune con risultati promettenti.

L’equipe di Marcy Zenobi-Wong del Poli zurighese e della sua collega di EMPA Katharina Maniura, è riuscita a individuare una sostanza, come detto, proveniente dalle alghe (un polisaccaride) in grado, potenzialmente, di bloccare il degrado della cartilagine. Insomma, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si apre un’importante frontiera della medicina che potrà portare a sconfiggere una patologia che comporta costi sociali elevati su tutto il sistema di welfare perché colpisce un incredibile numero di cittadini tra la fascia anziana della popolazione.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie