Sclerosi Multipla: attività fisica protegge il sistema nervoso e rallentare la progressione

L’attività fisica è importante per tutti: aiuta a mantenersi in forma, migliora le funzionalità cardiovascolari, la forza fisica, permette un controllo del peso corporeo e migliora l’umore aiutando a gestire lo stress. Per le persone con sclerosi multipla, fare attività fisica di resistenza può preteggere il sistema nervoso e rallentare la progressione della sclerosi multipla, potenziando l’effetto dei farmaci. A dimostrarlo uno studio pubblicato nel Journal of Multiple Sclerosis.

La sclerosi multipla è una malattia incurabile del sistema nervoso centrale e in cui sembrano avere un ruolo sia fattori genetici che ambientali. L’80% di chi ne è affetto vi convive da oltre 35 anni. In passato, ai pazienti veniva consigliato di non fare esercizi fisici per paura di esacerbare la malattia, ma nel tempo è stato visto invece che possono al contrario alleviare i sintomi, tra cui l’eccessiva fatica e le disabilità motoria.

Le conclusioni del nuovo studio, però vanno anche oltre. I ricercatori dell’Università di Aarhus hanno seguito 35 persone con sclerosi multipla per sei mesi. La metà ha partecipato ad allenamenti di resistenza due volte alla settimana, mentre l’altra metà no. Prima e dopo il periodo di sei mesi, i partecipanti sono stati sottoposti a risonanza magnetica da cui è emersa una tendenza del cervello di ridursi meno in pazienti che avevano intrapreso una allenamento di resistenza. “Tra le persone con sclerosi multipla, il cervello si riduce più velocemente del normale: i farmaci possono contrastare questo processo, ma abbiamo visto che l’esercizio fisico riduce ulteriormente il ritiro del cervello nei pazienti che già ricevono medicinali”, afferma l’autore principale Ulrik Dalgas. “Una formazione fisica sistematica – conclude – può essere un supplemento molto più importante durante le terapie rispetto a quanto finora ritenuto”.

Nella maggior parte dei soggetti, dopo settimane o mesi di esercizio fisico, è stato rilevato un netto miglioramento delle prestazioni in termini di capacità di movimento, dell’irrobustimento struttura ossea, articolare e muscolare con miglioramento delle contratture generalizzate, con aumento della capacità di forza, resistenza, e coordinazione in particolare dell’equilibrio, nonché della riduzione della sensazione di fatica, dell’aumento della flessibilità degli arti inferiori e delle articolazioni e a migliore il tono muscolare.

Anche l’attività fisica in acqua come l’acqua gym risulta molto utile grazie alla diminuzione di gravità i movimenti risultano più agevoli e lo sforzo fisico più sostenibile, inoltre l’acqua aiuta a controllare la temperatura corporea evitando il caldo spesso negativo per le persone con sclerosi multipla.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie