Puntura d’insetto fatale per un 42enne, morto per Shock anafilattico

Shock anafilattico in seguito alla puntura di un insetto: è morto così venerdì sera a Ronchi dei Legionari (Gorizia) – secondo quanto riferisce oggi il quotidiano Il Piccolo – Salvatore Ognibene, 42 anni, ferroviere dipendente di Rfi.

L’uomo stava facendo dei lavori di manutenzione alla propria moto sotto il portico di casa quando ha sentito un forte dolore a un piede per una puntura. Immediata la richiesta di soccorso mentre in pochi minuti la situazione è degenerata, tanto che Salvatore, dopo un po’, ha cominciato a respirare a stento e, poi, solo con il naso. All’arrivo dell’automedica la respirazione era molto difficoltosa mentre quando il personale del 118 ha raggiunto con l’autobulanza via delle Curbine nella frazione di Soleschiano di Ronchi dei Legionari l’uomo aveva già perso conoscenza.

Nonostante quasi un’ora di rianimazione e la corsa verso il nosocomio Monfalconese Salvatore non ce l’ha fatta. Saranno gli accertamenti autoptici a stabilire le cause precise del decesso, anche se, viste come si sono svolte le cose, sembra riconducibile a quella puntura che lo ha colpito senza che lui se ne accorgesse.

Salvatore Ognibene poteva essere un soggetto predisposto, quindi allergico alle punture di insetti. Un rischio che nemmeno le frequenti visite mediche alle quali era stato sottoposto, una prassi consolidata per tutti i dipendenti delle ferrovie, è riuscito a far emergere.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie