Test Hiv all’uscita della discoteca: tre ragazzi scoprono di essere sieropositivi

Il 6 ottobre, si è svolto un evento di prevenzione HIV con test salivari al Maki Maki di Viareggio in Darsena, al quale hanno partecipato Anlaids Versilia e il Consultorio Transgender di Torre dell’Lago. I test che sono stati eseguiti sono 60. “Tra questi, purtroppo, abbiamo trovato tre persone positive all’hiv – fanno sapere con una nota i responsabili di Anlaids:

“Sono due donne di diversa età ma entrambe giovani e eterosessuali che l’hanno contratto con un rapporto sessuale non protetto. L’altro è un ragazzo, anche lui eterosessuale che ha contratto il virus, anche lui, tramite rapporto sessuale senza preservativo. Tutte e tre le persone – ignare di avere il virus – sono del territorio, e sono state seguite nell’immediato dalla psicologa e prontamente assegnati al reparto malattie infettive di Massa all’attenzione della dottoressa Antonella Vincenti, infettivologa referente di Anlaids Versilia. Saranno eseguite, successivamente, le analisi sanguigne per avere la conferma della positività”.

Tutto ciò deve essere messo in relazione con l’evento di prevenzione hiv svolto da Anlaids Versilia insieme al Consultorio Transgenere quattro anni fa al Boca Cica, sulla Marina di Torre del Lago. Anche in quella occasione furono usati i test salivari e fu trovato soltanto una persona positiva. “Quella zona è, ed è, particolarmente frequentata da LGBT – precisano da Anlaids – e questo dimostra che le persone più a rischio, in Versilia, restano gli eterosessuali. Non ci sono dubbi che a livello nazionale sono aumentati i sieropositivi LGBT, ma a livello locale gli eterosessuali sono più a rischio.

Al di là dell’appartenenza sessuale, che a noi non deve riguardare, ciò che vogliamo sottolineare è la gravità di questa patologia silenziosa. Nessuno né parla più, nessuno pensa di poter essere il prossimo. La prevenzione è l’unica arma che noi abbiamo per bloccare il virus, l’uso del profilattico è di vitale importanza. Ma oggi si usa il profilattico solo per non rimanere in stato interessante altrimenti non serve a niente. Il profilattico è visto solo come contraccettivo e non come salva vita. Ricordatevi tutti, che quello strato sottile di lattice è l’unica flebile arma che avete per uccidere il virus dell’HIV, e non solo. Non avete altro in mano, non avete armi, né archi, né spranghe, solo un sottile velo di lattice. Adesso scegliete”

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie