Cia Puglia: migliaia di produttori biologici onesti nella nostra regione

Il servizio andato in onda su RaiTre nell’ambito della trasmissione “Report”, sulle produzioni biologiche e sulle relative certificazioni rilasciate dagli organismi preposti, ha messo in risalto solo un aspetto (sicuramente censurabile sulla base di quanto raccontato da Bernardo Iovene) del comparto biologico. Un comparto che non comprende solo grandi aziende che trasformano, commercializzano e vendono i prodotti biologici certificati, ma che interessa anche migliaia di produttori agricoli onesti che rispettano i protocolli, che producono prodotti bio che stanno riscontrando sempre più il parere favorevole di centinaia di migliaia di consumatori e che ovviamente prendono le distanze da quanto denunciato da “Report”. Lo afferma la Cia Puglia in una nota, ricordando che nella regione le aziende che operano nel biologico sono 6.599 e riguardano principalmente i settori olivicolo, ortofrutticolo, cerealicolo.

Anche in Puglia il comparto del “bio” sta registrando importanti performance e sta permettendo a migliaia di agricoltori di fare reddito, in un momento in cui per le aziende agricole convenzionali è davvero difficile andare avanti a causa di una crisi economica senza precedenti, dovuta principalmente al crollo dei prezzi sui campi e agli elevati costi di produzione.

Nell’ultimo rapporto Ismea per il ministero delle Politiche agricole, relativo al 2015, si segnala una crescita complessiva del 20% per il comparto biologico. I prodotti più richiesti sono proprio quelli in cui la Puglia è un’eccellenza -ricorda la Cia- ovvero derivati dei cereali, frutta e ortaggi freschi e trasformati, lattiero-caseari. La Puglia, con 6.599 operatori biologici, occupa la terza posizione in Italia dopo la Sicilia (9.660) e la Calabria (8.787). In queste tre regioni del Sud si concentra oltre il 45% degli operatori italiani. In Puglia, le coltivazioni biologiche si sviluppano su 176.998 ettari.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie