PrimaveraBio: la vera esposizione del cibo e dell’alimentazione

Primavera Bio è la campagna nazionale dell’AIAB che vede le AIAB di tutte le regioni impegnate a promuovere – direttamente nelle aziende – iniziative che hanno al centro il biologico, modello di produzione agricola sostenibile e lungimirante.

Quest’anno la Primavera Bio sarà positivamente legato all’Expo di Milano: “”Incontriamo il bio che nutre il territorio!””. Quale occasione migliore della primavera per l’unica esposizione itinerante dell’agricoltura e del cibo che possa trasportare il mondo cittadino nella realtà e cultura rurale. L’agricoltura biologica è infatti tuttora il modello più diffuso e più sostenibile per quanto riguarda la produzione alimentare in Europa e nel mondo, il solo modello a cui affidare il futuro alimentare del Pianeta.

Durante tutto il mese di maggio per avvicinare la città alla campagna, accorciando le distanze tra tessuto urbano e rurale e promuovere un rapporto più stretto e diretto tra consumatori e produttori, per tutta la durata della campagna, le aziende biologiche del territorio nazionale apriranno le porte a cittadini, studenti, insegnanti e tutti coloro che stanno avviando orti e giardini urbani, alla ricerca di suggerimenti e ispirazioni. Un approccio concreto per far conoscere il metodo biologico e la sua capacità di produrre cibi di alta qualità nella salvaguardia dell’ambiente e dei beni comuni.

Obiettivo della Primavera Bio è dare la possibilità di conoscere la realtà delle aziende agricole bio, avvicinare la città alla campagna, accorciando le distanze tra tessuto urbano e rurale e promuovendo un rapporto più stretto e diretto tra consumatori e produttori perché il cambiamento degli stili di vita può avvenire solo con l’alleanza tra tutti i soggetti coinvolti. Gli eventi porranno l’accento sulla salubrità e i valori nutrizionali del biologico, spiegando in modo chiaro e semplice i motivi per i quali il bio rappresenta un’alternativa più salutare e gustosa. Non solo, durante la campagna si parlerà anche dei vantaggi in termini di sostenibilità ambientale dell’agricoltura biologica rispetto a quella tradizionale, tra cui il rispetto del benessere animale, l’azzeramento dell’uso di chimica di sintesi nell’attività primaria e nella trasformazione dei prodotti, la propensione verso un modello produttivo ispirato all’agricoltura mista che riconnette coltivazione e allevamento a un ridotto tenore di carbonio.

Visite guidate in aziende orticole, frutticole e zootecniche, raccolta di frutta e verdura di stagione, laboratori di trasformazione, laboratori dimostrativi e degustazioni guidate sono le attività proposte dalle aziende biologiche che aderiscono alla PrimaveraBio e che i prossimi fine settimana accoglieranno “sul campo” i cittadini/consumatori. La capacità ricettiva ed educativa della aziende bio è dimostrata dall’ultimo Bioreport(2013) dove si rileva che dal 2007 al 2013 le attività connesse a quelle agricole e di allevamento sono praticate dal 17% circa delle aziende certificate bio, oltre il triplo del valore rilevato per l’universo delle aziende.

Le aziende biologiche, infatti, si distinguono per le attività connesse più frequentemente alla produzione biologica – come l’agriturismo, le attività ricreative e sociali, le fattorie didattiche, la prima lavorazione dei prodotti agricoli, la trasformazione dei prodotti animali e vegetali e la produzione di energia rinnovabili. Nel settore biologico – e specialmente nelle regioni centrali – si privilegia il rapporto diretto tra produttore e consumatore così da accrescere la fiducia di quest’ultimo nei confronti del primo(Bioreport 2013).

Per tutta la durata della campagna, le aziende biologiche del territorio apriranno le porte a cittadini, studenti, insegnanti e tutti coloro che stanno avviando orti e giardini urbani, alla ricerca di suggerimenti e ispirazioni. Un approccio concreto per far conoscere il metodo biologico e la sua capacità di produrre cibi di alta qualità nella salvaguardia dell’ambiente e dei beni comuni.

PrimaveraBio appuntamenti

Umbria
In viaggio tra le cantine per scoprire il buon vino biologico umbro. Dall’1 al 3 maggio 2015 in Umbria cinque Cantine umbre organizzano iniziative, degustazioni, laboratori e visite guidate con l’obiettivo di far conoscere il vino biologico e quel metodo di lavorazione che ha la capacità di produrre alta qualità nella salvaguardia dell’ambiente e dei beni comuni. Di vigna in vigna, a piccoli sorsi si assaporeranno paesaggi, tradizioni, vecchi e nuovi metodi di lavorazione di un prodotto che è simbolo dell’eccellenza made in Umbria.

Liguria
Sabato 2 maggio dalle ore 14, in Carro (SP), presso il castagneto in località Sepponi, si terrà una lezione sulla conduzione del castagneto da frutto, del seccatoio per castagne e una dimostrazione pratica di innesto a zufolo e a spacco su castagno, a conclusione della stagione degli innesti, con possibilità per chi lo desiderasse di cimentarsi nell’esecuzione. Seguirà una merenda a base di pane, burro e confettura aziendale (bio), tutto a km zero!
Dal 2 al 9 maggio l’azienda biologica “Pian delle Monache” sulle alture di Genova, aprirà le porte alla manifestazione “fave di giornata”. La fattoria sarà aperta agli ospiti che potranno vivere un pic nic all’aperto a base di fave.

Puglia
Domenica 17 maggio Domenica 17 Maggio 2015 l’AIAB Puglia organizza una visita alla masseria didattica “Sierro Lo Greco” di Laterza (TA), autentica oasi naturale con uliveti secolari, vigneti e orti biologici, impegnata nel recupero di piante ed alberi in via d’estinzione. La masseria offre ai visitatori percorsi immersi nella natura e laboratori didattici, come il percorso conoscitivo della macchia mediterranea; l’osservazione degli animali di bassa corte, il riconoscimento delle erbe aromatiche con le casse multi sensoriali; ciclo di trasformazione delle erbe aromatiche in oli essenziali, nonché la degustazione dei prodotti aziendali.
Sempre domenica 17 maggio ci sarà la visita alla fattoria didattica “Masseria dei Monelli”, situata nelle campagne di Conversano (BA) e circondata da coltivazioni biologiche di mandorli, olivi e alberi da frutta, animali di bassa corte, piante officinali, alberi e arbusti tipici mediterranei. Durante la visita saranno tenuti degustazioni e laboratori come “L’orto biologico e i suoi cicli- mettiamo a dimora ortaggi di stagione”.

Calabria
Domenica 17 Maggio 2015 una visita guidata all’interno dell’agriturismo biologico e biodinamico “Pirapora”, situato in località Pirapora / Zambrone (VV), posto che, come nella migliore tradizione, vive al ritmo della natura, dove si mangiano alimenti biologici prodotti direttamente in azienda. Intorno alle dieci e trenta ci sarà il momento in cui i partecipanti saranno invitati a calarsi all’interno di un viaggio tra natura, sapori e bellezze naturali tipiche della “Costa degli Dei”. Grazie alla guida esperta della famiglia Colace, i visitatori osserveranno dal vivo il crearsi di quella simbiosi tra natura e uomo che porta terra, acqua, animali, piante, frutti e persone a diventare “fattoria”. Subito dopo il pranzo, si procederà in direzione Tropea (VV), centro turistico sul Mar Tirreno, le cui spiagge, chiese e monumenti sono famosi in tutto il mondo.

Marche
Domenica 17 maggio presso l’Azienda agricola bio Malavolta, dalle ore 15 inizierà la visita aziendale dove i visitatori potranno partecipare alla sperimentazione in agricoltura conservativa di copertura a reddito, che veràà fatta utilizzando orzo e veccia. Oltre alla degustazione di prodotti aziendali si potrà assaggiare il gelato bio alla taccola.

Tutti gli eventi su www.primaverabio.it

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie