Superare la superficialità

52

E’ cosa tanto penosa che molte persone, per poca intelligenza, si servano delle cose anche buone solo per una soddisfazione dei propri sensi, lasciando lo spirito vuoto; l’aspetto sensibile assorbe buona parte dello spirito; ne beve l’acqua prima che arrivi allo spirito, che resta secco e vuoto.

Vivendo così superficialmente, si viene a contatto con tutte le cose ugualmente in modo solo superficiale;

chi non è capace di penetrare nel fondo della propria anima non è capace neanche di penetrare nella profondità delle cose, ne coglie solo l’esterno che appare e finisce per dare importanza solo a sciocchezze.

La persona legata alle cose esterne, non è capace di volare;

è come prigioniera, incatenata, snervata e infiacchita.

Vedendo le cose solo nel loro aspetto più meschino, la persona si fa sempre più infantile e si ripiega su se stessa.

Madre Speranza