VANDA BIANCHI LA PAROLA “RESISTENZA” – QUELLO CHE (NON) HO

“Sono figlia di un sovversivo. Quando ero piccola, durante il fascismo, non sapevo neanche che cosa volesse dire quella parola. Ne avevo paura. Quando mi è toccato lasciare gli studi, da bambina, mi sono messa a piangere perché avrei voluto studiare, capire come girava il mondo. Ma non c’è bisogno di avere un granché di istruzione, in certi frangenti. Basta un po’ di buon senso.”

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie