Piogge torrenziali. Siccità. Ondate di caldo o di freddo. Cosa sta succedendo al clima?

Il tempo è cambiato. Eventi estremi – tra cui fenomeni che secondo gli esperti capitano una volta ogni mille anni – accadono più spesso che in passato.

Una pioggia torrenziale (28 centimetri in 24 ore) sommerge Rio de Janeiro, e le ondate di fango seppelliscono centinaia di persone. Circa quattro mesi dopo, le inondazioni causate dalle piogge record hanno colpito 20 milioni di persone in Pakistan. Alla fine del 2011 un’alluvione ha sommerso centinaia di fabbriche nei pressi di Bangkok, provocando una penuria di dischi rigidi per computer in tutto il mondo.

Ma non sono soltanto le piogge torrenziali a conquistare le prime pagine dei giornali. Negli ultimi dieci anni gravi siccità hanno colpito il Texas, l’Australia, la Russia e l’Africa orientale, dove decine di migliaia di persone hanno cercato rifugio nei campi profughi. Ondate di caldo torrido hanno colpito l’Europa e negli Stati Uniti si è abbattuto un numero record di trombe d’aria.

Nel 2011 questi eventi calamitosi hanno provocato danni per circa 150 miliardi di dollari in tutto il mondo, circa il 25 per cento in più rispetto all’anno precedente. Negli Usa i danni ammontano a oltre un miliardo di dollari a causa di 14 calamità naturali,  ben oltre il record di 9 stabilito nel 2008.

Che succede? Questi eventi estremi sono frutto di un pericoloso cambiamento climatico provocato dall’uomo? O è solo un periodo sfortunato? (Leggi l’articolo di Peter Miller sul numero di settembre di National Geographic Italia)

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie