Rinnovabili,gli italiani confermano la loro preferenza per il solare

Gli italiani confermano la loro preferenza per il solare. Il 90% degli intervistati ritiene, infatti, che l’Italia debba puntare sempre di più sul fotovoltaico, un’energia di gran lunga più sicura (per il 90% degli intervistati) e compatibile con l’ambiente (per il 96% degli intervistati) rispetto alle fonti tradizionali. E’ quanto emerge dell’ottavo rapporto ‘Gli Italiani e il solare’ con focus su ‘Smart cities & green building: autoconsumo ed efficienza’, realizzato da Ipr Marketing e dall’osservatorio sul Solare della Fondazione UniVerde con il sostegno di Yingli Green Energy.

In particolare circa nove italiani su dieci voterebbe a favore dell’installazione di un impianto fotovoltaico sul proprio condominio utilizzando un incentivo pubblico che, per l’84% degli intervistati, dovrebbe essere confermato dal Governo anche se, laddove si sostituissero gli incentivi con semplificazioni burocratiche e libertà di auto-produrre e vendere energia in rete, il 47% degli intervistati installerebbe comunque pannelli fotovoltaici.

Sulle ‘smart grids’, invece, resta molto da fare. Infatti l’87% degli intervistati non ne ha ancora mai sentito parlare e, anche di chi ne ha sentito parlare, soltanto un 6% ne conosce il significato. Tuttavia, appena spiegatogli che si tratta di reti intelligenti decise dall’Unione Europea con cui ogni cittadino potrà non solo ricevere e comprare energia ma diventare produttore, da solo e in comunità, e anche vendere energia ad altri attraverso la rete, l’89% degli intervistati la valutano positivamente, pur con i dubbi sulla fattibilità in Italia.

Sul versante della bioedilizia il 92% degli intervistati ritiene che porti vantaggi ambientali, soprattutto per l’abbattimento degli sprechi energetici (50% del campione) e la percentuale arriva al 95% se si considera l’interesse dimostrato per i consumi energetici della propria abitazione e per l’importanza rivestita dal certificato energetico nella scelta di una casa da acquistare.

Gli italiani, commenta Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione UniVerde e già ministro dell’Ambiente, “credono nel solare nonostante il recente caos normativo e le campagne stampa contro le rinnovabili. Ora occorre raggiungere la vera libertà di auto prodursi e vendere energia pulita, promuovere il deciso sostegno alla ricerca per la diffusione di nuove tecnologie e prodotti di qualità aventi certificazioni serie per la tutela dei consumatori”.

Gli italiani, aggiunge Fabio Patti, amministratore delegato di Yingli Green Energy Italia, “scelgono il solare e lo fanno con la consapevolezza che le energie rinnovabili rappresentano un investimento per tutti, per le famiglie e l’ambiente”.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie