Vademecum per non sprecare l’acqua ad uso abitativo

Come ormai sappiamo bene, il consumo eccessivo di acqua e lo sfruttamento scellerato delle risorse idriche del pianeta stanno mettendo a dura prova la “salute” della nostra madre Terra. A volte, di fronte agli sprechi e alla cattiva gestione delle risorse naturali, ci sentiamo impotenti: pensarla così è un errore, perché possiamo fare molto a livello individuale per proteggere e salvaguardare la natura e l’ambienti in cui viviamo.

Vuoi imparare qualche trucco per non sprecare l’acqua ad uso abitativo e per ottimizzarne il consumo? Leggi questo breve vademecum dedicato al tema.

Come risparmiare l’acqua?

Per imparare a gestire intelligentemente l’acqua ad uso abitativo, riducendo gli sprechi senza troppi sforzi, non devi fare altro che seguire queste semplici regole quotidiane.

Doccia o bagno per sprecare meno acqua? Questa fatidica domanda non ha una risposta univoca. Molti continuano a sostenere che, usando la doccia al posto della vasca da bagno, si usi meno acqua. Purtroppo questa non è una regola universale, dato che esistono docce di 10 minuti e docce di mezz’ora, se non di più. In linea generale, fare una doccia di 10 minuti fa risparmiare acqua rispetto ad un bagno caldo, ma se ci metti più di mezz’ora tra una insaponata, una cantata ed uno shampoo, è meglio convertirti alla vasca da bagno.

Non lasciare mai il rubinetto con l’acqua corrente. In molte case c’è la cattiva abitudine di lasciar scorrere l’acqua dal rubinetto o dalla doccia aspettando che si riscaldi. Nessuno ti sta dicendo di lavarti con l’acqua gelida ma, piuttosto che sprecare litri e litri di acqua pulita, utilizza una bacinella o un secchio per raccogliere l’acqua fredda ed usala per lavare i tappeti o i pavimenti, o per scaricare il water in sostituzione allo sciacquone.

Raccogli l’acqua piovana per annaffiare il giardino. La pioggia non è sempre negativa, dato che, con un paio di secchi posizionati in punti strategici (per esempio sotto gli scoli delle grondaie), possiamo procurarci gratuitamente l’acqua per annaffiare orti, balconi e giardini.

Limita l’uso degli elettrodomestici che usano acqua. Lavastoviglie e lavatrici troppo spesso vengono messe in funzione mezze vuote: questo comporta un enorme speco di acqua, ma anche di elettricità.

Bevi l’acqua del rubinetto o acquista quella a km 0. Se puoi, bevi l’acqua del rubinetto. In alternativa acquista quella imbottigliata, ma solo se è a km 0, perchè rispetta l’ambiente e ti fa anche risparmiare sul costo.

 
Condividi questo articolo: 




Altre Notizie