Turismo e sostenibilita’ possono andare a braccetto

Sette parchi naturali e un aeroporto che produce miele.

Il Baden-Wurttemberg, Land nel sud-ovest della Germania, si tinge di verde, un buon esempio di come turismo e sostenibilita’ possono andare a braccetto(tra Foresta Nera, Svevia, i fiumi Danubio e Neckar e una riserva di biosfera nel Giura Svevo). A partire dall’aeroporto di Stoccarda (Fsg): circa la meta’ dei suoi 400 ettari sono coperti di verde, il che ne fa il piu’ grande biotopo dell’altopiano dei Filder. Per garantire il controllo della qualita’ dell’aria, la societa’ di gestione dello scalo ha introdotto quattro diverse popolazioni d’api.

Grazie al monitoraggio del miele e’ infatti possibile raccogliere informazioni sui fiori e il polline in un raggio di 3 chilometri. In piu’, il miele prodotto dalle api dell’aeroporto e’ controllato e puo’ essere consumato in tutta sicurezza. Una volta in aeroporto, dal 2011 i passeggeri hanno la possibilita’ di controllare agli appositi terminali le emissioni di carbonio del loro volo e compensarle. Con una sottoscrizione possono sostenere i progetti ambientali, che risparmiano la stessa quantita’ di gas serra prodotti, di ”atmosfair”, associazione tedesca per la tutela del clima, di cui l’Fsg e’ uno dei primi aeroporti partner (www.atmosfair.de).

Chi, poi, fosse interessato a conoscere i progetti dell’aeroporto volti a migliorare la sua impronta ecologica, puo’ seguire il percorso informativo ”fairport”. Nove diverse stazioni illustrano le attivita’ del Fsg in materia di ambiente ed ecosostenibilita’. Tra gli altri progetti, entro il 2020 l’aeroporto e’ impegnato a ridurre del 20% le proprie emissioni di Co2 rispetto al 2009. Sempre volti a informare il passeggero, sono gli speciali tour a tema ”ambiente” da prenotare direttamente in aeroporto. Dietro la guida di esperti, i partecipanti possono scoprire dietro le quinte come natura e servizio aereo possono andare d’accordo e quale ruolo puo’ avere un aeroporto, nel rendere piu’ verdi i viaggi in futuro.

Iniziative ecosostenibili nel Baden-Wurttemberg sono da tempo una priorita’, come dimostra l’attenzione riservata alla mobilita’, dalla carta turistica Konus (che permette l’uso gratuito dei mezzi pubblici nella Foresta Nera) all’offerta delle Ferrovie Tedesche per viaggiare all’interno del Land, fino alle stazioni di e-bike e auto elettriche nella regione. Molti hotel, pensioni, aziende agricole e campeggi si sono votati al turismo dolce: case vacanza in fattoria nella Foresta Nera, hotel in citta’ con impianti solari (tra l’altro Friburgo e’ capitale europea dell’energia solare), campeggi eco sul Lago di Costanza, bio hotel e pensioni all’interno della riserva di biosfera del Giura Svevo.

E poi la gastronomia ‘bio’ e a km zero a Waldkirch, Uberlingen e Bad Schussenried, le ”Cittaslow” che aderiscono alla rete internazionale delle citta’ del buon vivere. Nella Foresta Nera, la carta del turista Konus offre l’uso gratuito di autobus e treni in tutta la regione; in sella a e-bike si possono raggiungere le vette piu’ alte, anche quella del monte Feldberg nella riserva naturale protetta. La regione della Hochschwarzwald, nel cuore del parco naturale Sudschwarzwald, si e’ aggiudicata il secondo posto al Premio del Turismo Tedesco 2012 con il progetto ”E-Smart incontra la Hochschwarzwald Card”.

L’iniziativa a favore di una mobilita’ sostenibile permette ai possessori della carta del turista anche l’uso gratuito delle attuali 15 ‘Smart fortwo electric drive’ (ne sono previste altre 50 entro il 2014), di 100 E-Bike e 20 Segway. Per chi, invece, preferisce il metodo meno inquinante al mondo, la Foresta Nera offre una fitta rete di sentieri escursionistici immersi nella natura. Gli 80 km del ”Markgrafler Wiiwegli”, per esempio, portano dalla cittadina di Weil am Rhein passando dalla localita’ termale di Bad Bellingen fino a Friburgo, attraverso sentieri che si snodano tra i vigneti della regione del Markgraflerland.(Adnkronos)

 

 

Condividi questo articolo: 

Altre Notizie