Produzione mondiale di grano,vicini al colasso

Lester Brown, presidente dell’Earth Institute di Washington ,ha affermato che i Paesi europei,come anche l’India e la Cina sono ormai arrivati ai loro limiti fisiologici di crescita e questo rappresenta un serio problema rispetto al costante aumento della popolazione mondiale, stimato in 3 miliardi entro il 2050.

La produzione mondiale di cereali per ettaro sta per arrivare al suo tetto massimo e non potrà essere ulteriormente incrementata. Dal 1950 le rese di grano per ettaro in tutto il mondo sono triplicate, con un incremento del 2,2% all’anno fino al 1990. Da allora gli incrementi si sono progressivamente ridimensionati, arrivando ad una crescita quasi dimezzata intorno all’1,3%. Francia, Germania e Regno Unito, Paesi leader dell’Europa occidentale nella produzione di grano, negli ultimi dieci anni gli incrementi nella produzione sono stati marginali ed altri Paesi stanno per arrivare al tetto della resa per ettaro.

Le speranze di tornare ad incrementi significativi, secondo il rapporto, sono tutte riposte nella genetica e nella possibilità di modificare la fotosintesi delle piante per alzare ulteriormente i limiti di resa. ”Le rese per ettaro, ha aggiunto Brown, non possono aumentare all’infinito, ci sono vincoli naturali e non vi è alcuna soluzione per questo problema a meno che non intervenga una riprogettazione delle colture”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie