Gli emiri di Abu Dhabi pronti a un doppio colpo in Italia,dopo Alitalia nel mirino Adr la società dei Benetton

Gli emiri di Abu Dhabi stanno assestando un doppio colpo in Italia.La compagnia di bandiera, si avvia ormai “volare a nozze”ma nel mirino degli emiri adesso c’è anche Adr,società che gestisce l’hub di Fiumicino.

Nonostante le ingenti capacità finanziarie, Abu Dhabi non ha intenzione di fare regali a nessuno. Piuttosto, nei continui contatti avuti con il vertice di Alitalia, gli emissari del governo Letta e quelli inviati dai Benetton che possiede Adr e una quota importante di Alitalia, hanno ribadito che l’interesse per i due asset è reale, ma che alcune condizioni non sono derogabili. Su Alitalia il percorso indicato è noto. Serve un aiuto concreto da parte delle banche italiane sul debito, mentre i sindacati devono accettare sacrifici e tagli robusti senza creare problemi. Del resto proprio Giovanni Castellucci, ad di Atlantia cha ben conosce i manager di Etihad, li ha definiti molto preparati e sofisticati. «La scelta araba – ha ribadito ieri a Radio24 – è la migliore soluzione percorribile per Alitalia». Non solo per l’elevato «livello di qualità», ma per il fatto oggettivo che hanno acquistato una quota consistente di aerei che indica come «il mondo oggi sta andando in quella direzione».

Abu Dhabi Investment Authority, un colosso con miliardi di dollari a disposizione, non è infatti disposto ad entrare in gioco senza poter incidere sulle scelte di quello che considerano la «porta per l’Europa». Fiumicino rappresenta infatti per Etihad una testa di ponte per intercettare passeggeri e fatturato, facendo compiere un salto di qualità decisivo nello scacchiere internazionale del trasporto aereo. Ovviamente a patto che lo scalo romano recuperi terreno ed efficienza, colmando il gap che lo separa dagli altri aeroporti continentali. Sul punto è d’accordo Castellucci: «Fiumicino può essere l’hub e può diventare ponte per i mercati europei». Quanto al raddoppio, spiega, «si farà quando sarà necessario e in funzione dell’aumento del traffico». Quando cioè Alitalia ed Etihad saranno finalmente sposi.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie