La Cina esporta inquinamento atmosferico in Usa

Le città della costa occidentale deli Stati Uniti iniziano a lamentare un aumento del livello di smog a causa dei gas prodotti dalle industrie cinesi.Lo scopo della ricerca scientifica condotta in tre paesi da un gruppo di esperti e pubblicata dalla prestigiosa rivista Proceedings of the National Academy of Science era di capire quali fossero gli effetti sull’ambiente delle economie interconnesse e quale fosse la quantità di inquinamento esportata dalla Cina verso l’America.

Il rapporto stima che in un anno almeno un giorno ulteriore di smog intenso a Los Angels sia dovuto proprio alle emissioni di monossido di carbonio e ossido di idrogeno di aziende cinesi. I gas velenosi, infatti, volano attraverso l’oceano Pacifico grazie ai potenti venti chiamati ‘westerlies’, che  “possono trasportare gli agenti contaminanti nel giro di pochi giorni – si legge nello studio – inducendo una pericolosa impennata nel tasso dei gas nell’aria”.

Secondo uno dei co-autori della ricerca, Steven Davis, dell’Università della California, “polveri, ozono e frammenti di carbone si accumulano nelle valli e nelle acque degli Stati dell’Ovest”. A suo avviso, particolarmente grave è la presenza di particelle di carbone nero in quanto il minerale non viene spazzato dalle piogge, resiste alle lunghe distanze, ed è collegato all’aumento dei rischi di asma,tumori, cardiopatie.

Usando un modello scientifico di calcolo chiamato ‘GEOS-Chem’, gli studiosi hanno concluso che nel 2006 la concentrazione di solfati negli Usa occidentali è aumentata del  2% così come la presenza di ozono e monossido di carbonio, per effetto diretto della produzione cinese. Il rapporto calcola anche che la produzione esclusivamente per l’esportazione negli Usa abbia avuto un impatto sulla qualità dell’aria cinese:contribuendo al 7.4% delle emissioni di diossido di sulfuro e al 4.6% di monossido di carbonio. Alla fine quindi, sembra quasi che a restituire agli Stati Uniti l’inquinamento prodotto in Cina sia stata la legge del contrappasso

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie