Nave con a bordo 20mila tonnellate di amianto in direzione porto di Gallipoli

Oltre 20mila tonnellate di amianto,sarebbero a bordo di una nave in direzione porto di Gallipoli (Lecce), attracco previsto nei prossimi giorni. La notizia, non ancora ufficiale, è stata diffusa da politici e ambientalisti salentini ed è parzialmente confermata dalla Capitaneria di porto di Gallipoli.

Il comandante della Capitaneria di porto di Gallipoli, Attilio Daconto, ha riferito all’ANSA di una richiesta di intendimenti arrivata prima del suo insediamento, avvenuto il 17 gennaio scorso, specificando come al momento non sia però pervenuta alcuna richiesta formale di attracco. Lo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto dovrebbe avvenire nella discarica ‘Ditta Rei’, nel territorio tra Nardò e Galatone, in contrada Vignali-Castellino, autorizzata dal 2009 per i rifiuti inerti e dal 2011 per l’amianto.

Al momento esiste solo una richiesta arrivata una decina di giorni fa in Capitaneria, proveniente da un’agenzia marittima locale, con la quale si chiede l’eventuale fattibilità per l’ormeggio di una nave carica di amianto destinato allo smaltimento in discarica”. Lo ribadisce all’ANSA il comandante della Capitaneria di Porto di Gallipoli, Attilio Daconto, specificando che all’istanza è allegata la documentazione relativa alla discarica ‘Ditta Rei’, l’impianto tra Nardò e Galatone incaricato dello smaltimento e regolarmente autorizzato dal 2011 per trattare rifiuti contenenti amianto. “A tutt’oggi – ha precisato Daconto – non c’é una previsione di arrivo, tantomeno una richiesta formale di accosto, né abbiamo indicazioni sulla nave e sull’ammontare preciso del carico di amianto. Il comandante ha aggiunto che “le verifiche preliminari che stiamo attuando in queste ore riguardano solo la praticabilità della richiesta pervenutaci, se cioé effettivamente può avvenire la movimentazione del carico di amianto dalla nave ai camion incaricati del trasporto via terra”.

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie