Nel laboratorio segreto di Google X nascono le lenti a contatto per diabetici

La ricerca a “casa” Google non si arresta, dopo gli occhiali interattivi arrivano le lenti a contatto per diabetici.La straordinarietà della lente sta in un microchip in grado di monitare il livello di glucosio presente nelle lacrime,evitando ai pazienti affetti da diabete,di monitorare il proprio livello di glucosio bucandosi le dita anche per molte volte al giorno.

Al momento è solo un prototipo e probabilmente saranno necessari almeno cinque anni prima che arrivi ad essere commercializzato.Le lenti utilizzano un microscopico sensore di glucosio e un trasmettitore wireless e saranno in grado di aiutare i 382 milioni di diabetici nel mondo che hanno bisogno di mantenere sotto stretto controllo il livello di zucchero nel sangue.

Le lenti a contatto sono state sviluppate nel corso degli ultimi 18 mesi nel famigerato laboratorio segreto di Google X , lo stesso dove sono stati sviluppati i famosi google glass e dove il colosso sta sviluppando tutti i suoi progetti di robotica.Il dispositivo sembra una normale lente a contatto ma ad un esame più attento, inserita nella lente ci sono due scintillanti glitter- pieni di decine di migliaia di transistor miniaturizzati e circondata da un antenna sottile come un capello .

Il verdetto finale spetterà adesso alla Fda e ai test sui volontari. Si è già candidato Michael Vahradian , 21 anni allenatore di calcio. Non ne può più di bucarsi per sapere il livello di glucosio del suo corpo. Ed è pronto a provare qualcosa di meno invasivo.

La ricerca è iniziata  presso l’Università di Washington , dove gli scienziati hanno lavorato sotto il finanziamento della National Science Foundation

Condividi questo articolo: 




 

Altre Notizie