Aro Ha il rifugio del benessere e della sostenibilità

Sul lago Wakatipu in Nuova Zelanda e non molto lontano dalla città di Queenstown si trova Aro Ha, una struttura ricettiva sostenibile interamente votata al benessere. In effetti è un centro benessere interamente progettato dagli architetti Tennent & Brown in base ai principi dell’archittettura sostenibile: legno, fonti idroniche per il riscaldamento , energia solare che rendono la struttura completamente indipendente.

La zona soggetta a temperature molto calde d’estate e fredde d’inverno, è stata isolata mettendo in pratica i principi delle case passive grazie anche ad un perfetto orientamento degli edifici e degli spazi verdi ottimizzando l’uso del riscaldamento naturale solare.
Architettonicamente parlando persino i tetti esulano dai manuali di architettura, ma si ispirano alle naturali forme della roccia locale ottenendo un’efficienza energetica straordinaria che, unita agli impianti fotovoltaici e mini-idronici permettono la quasi totale indipendenza.

Il paesaggio mozzafiato del lago e delle Alpi Neozelandesi ha fatto il resto, e gli organizzatori del progetto hanno curato gli spazi esterni attraverso le più moderne tecniche della permacultura, integrandosi perfettamente con il paesaggio.
I fondatori di Aro Ha hanno impresso la loro filosofia di vita a un progetto che combina “i bisogni del presente senza compromettere il nostro futuro”.

Il rifugio, interamente in legno, può ospitare soltanto 32 ospiti alla volta, favorendo così le interazioni sociali e la personalizzazione di ogni trattamento. Ogni camera, ha intenzionalmente dimensioni modeste e il solo scopo di far recuperare l’ospite dalle numerose attività organizzate dal rifugio.
I principi zen sono alla base della filosofia di Aro Ha, considerata da molte riviste come un santuario della rigenerazione del corpo e della mente. Ogni cliente è invitato a “disintossicarsi” da fumo e alcol almeno una settimana prima di intraprendere questa nuova esperienza psico-fisica ed emozionale.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie