Calze e collant, come riciclarli

Quando mia nonna portava ancora delle bellissime calze di seta, tanto sottili e raffinate, mi chiedevo come fosse possibile che non subissero danni. In effetti di danni ne subivano, ma qualcuno si ricorderà che a quei tempi c’erano le “rammagliatrici” il cui lavoro consisteva appunto nel rammagliare le delicate calze, guai gettarle via! Poi sono arrivati i collant di nylon a buon mercato, ed ecco che con le smagliature, finiva nella spazzatura.
Beh, per fortuna ci siamo evoluti, se no naltro per ripetto dell’ambiente, quindi se i collant non sono più indossabili possiamo sempre riciclarli in vari modi prima di gettarli.

Risparmio, fantasia, creatività, ecco dunque 5 modi collant-riciclo.

1. Come spugna: basta che infiliate nei collant i rimasugli di sapone e creare una pallina: diventerà una spugna esfoliante molto comoda. Oppure, se si sceglie il Sapone di Marsiglia, la spugna potrà essere utilizzata per pre-trattare i capi prima di metterli in lavatrice.

2. Stendi abiti: passate il collant nelle maniche di un capo particolarmente delicato ed attaccare le molle da bucato direttamente sulla calza.

3. Pulire la lavastoviglie: mettete nella lavastoviglie dei collant impregnati di succo di limone: il cattivo odore scomparirà.

4. Sacchetto profuma armadi: sistemate all’interno dei collant con lavanda, fiori essiccati oppure bagnarli con oli essenziali e sistemarli in cassetti o armadi.

5. Proteggere capi in lavatrice: mettete nel collant un indumento delicato e inseritelo in lavatrice: il nylon lo proteggerà

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie