Cecità: le staminali embrionali una potenzialità terapeutica per ridare la vista

Le potenzialità terapeutiche delle cellule staminali embrionali potrebbero ridare la vista a pazienti colpiti da gravi e incurabili malattie della retina. I ricercatori della Advanced Cell Technology sono riusciti a dimostrare, che le cellule staminali ricavate da embrioni (cellule embrionali) sono una buona fonte terapeutica per riparare la retina di pazienti dalla vista gravemente compromessa e sono sicure, non avendo dato alcun effetto avverso in 36 mesi e più di osservazione. hanno pubblicato su Lancet il rapporto della sperimentazione.

La sperimentazione ha coinvolto giovani con la distrofia retinica di Stargardt e anziani colpiti da una forma incurabile di maculopatia; entrambe le malattie portano inesorabilmente alla cecità.

I ricercatori hanno trasformato le staminali dell’embrione in provetta in cellule retiniche e poi hanno eseguito iniezioni di differenti dosi di queste cellule retiniche in un solo occhio, quello più gravemente malato, di ciascun paziente.

Dieci dei 18 pazienti hanno tratto sostanziali giovamenti nella visione dell’occhio trattato, gli altri hanno dimostrato miglioramenti più esigui. Le iniezioni sono risultate del tutto sicure e ben tollerate e questo toglie alcuni dei dubbi sulla possibilità di usare le staminali embrionali in ambito clinico.

Le cellule staminali sono state derivate da embrioni per sfruttare la loro capacita’ di svilupparsi in qualsiasi tipo di tessuto del corpo. Immerse in un cocktail appositamente formulato di sostanze chimiche, queste staminali sono state trasformate in cellule dell’epitelio pigmentato retinico completamente mature. In seguito sono state poi trapiantate direttamente negli occhi di pazienti affetti da cecita’. I test hanno mostrato un miglioramento sostanziale in 10 dei 18 occhi trattati. Otto pazienti sono stati in grado di leggere piu’ di 15 lettere aggiuntive su un grafico nel primo anno dopo il trattamento.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie