La discarica più inquinata del mondo: Dandora

In kenya, a pochi chilometri dal centro di Nairobi c’è Dandora, il punto di raccolta dei rifiuti della metropoli. Qui ogni giorno vengono riversate tonnellate di materiali indifferenziati vengono riversati da centinaia di camion, rifiuti che si accumulano, formando montagne di immondizia. Anche qui come avviene anche in altri paesi del mondo, come il Brasile, sono nate numerose baraccopoli (slum) in cui circa 500 mila persone vivono in condizioni drammatiche a causa della malnutrizione, dell’acqua inquinata e della mancanza di servizi igienico-sanitari, mentre nel sangue di adulti e bambini si accumulano piombo e altri metalli pesanti.

Queste condizioni provocano centinaia di morti e in più contribuiscono al diffondersi di gravi malattie, come l’Aids. Un’emergenza questa, che viene da anni denunciata dalle Ong e dai missionari comboniani che operano nel Paese africano, ma con scarsi risultati. Il governo keniota non ha ancora intrapreso la bonifica di Dandora e i progetti attuati a livello mondiale non hanno prodotto cambiamenti significativi, nonostante numerosi reportage abbiano documentato la gravità della situazione.

Tra le Ong presenti nelle baraccopoli di Nairobi, World Friends è una delle più importanti. È un’associazione che realizza progetti nell’ambito della sanità e della formazione: uno dei suoi ultimi interventi è stato allestire un campo medico a Korogocho, slum a est della discarica.

 
Condividi questo articolo: 


Altre Notizie