Disintossicarsi dai metalli pesanti con frutta, verdura e integratori

Anche l’intossicazione da metalli pesanti non è un argomento che viene trattato sovente, eppure il nostro organismo ne assume attraverso il cibo, l’acqua, l’aria, o addirittura attraverso l’assoorbimento da parte della pelle.

I problemi che queste tossine possono procurare al nostro organismo sono molteplici, pensiamo ad esempio alle otturazioni dentali o a certi vaccini. Ciò che dobbiamo fare è cercare di ripulire il nostro organismo da queste velenose scorie e dovremmo farlo a livello cellulare. L’alimentazione può venirci in aiuto, integrando con più frutta, verdure, succhi, integratori come la clorella, rimedi naturali e anche con delle tecniche di respirazione.

Un modo che noi tutti possiamo usare per disintossicarci è quello di assumere succhi di verdura verde ogni mattina, e che forniscono vitamine, minerali e antiossidanti tutto quello di cui il nostro organismo a necessità. Di seguito ecco un succo da preparare in casa che ripulisce e rafforza il fegato, opichè le sue componenti interne si legano ai metalli pesanti aiutandoci a eliminarli.

Ingredienti:

2 barbabietole
4 tazze di cavolo tritato
2 tazze di sedano tritato
1 cetriolo
1/2 limone
1 mazzetto di prezzemolo
1 mazzetto di coriandolo
2 cucchiaini di zenzero tritato
1-2 cucchiaini di semi di chia

Se ne avete la possibilità, acquistate prodotti biologici, e in ogni caso di lavate bene le verdure. Estraete il succo di tutti gli ingredienti lasciando da parte i semi di chia. Potete usare se avete l’estrattore, soluzione migliore, oppure usare la centrifuga. Ma potete anche decidere di usare un frullatore e di facilitare l’operazione con acqua, usando poi un colino per passare il tutto ed eliminare le parti più grosse. Una volta preparato il succo, aggiungete i semi di chia e lasciate a riposo per 10 minuti circa. Questo permetterà ai semi di rilasciare la loro sostanza gelatinosa, che aiuterà ad assorbire le tossine e a ripulire il corpo. Un succo che potete bere ogni mattina al risveglio o per lo meno nel periodo di stagionalità di questi ingredienti.

Condividi questo articolo: 

Altre Notizie